A- A+
Esteri
Usa, il ritorno del Covid dopo un apparente rallentamento

203000 vittime, 3 milioni di ricoveri , 7 milioni di contagi le nuove cifre che gli Stati Uniti riportano in questi ultimi giorni per la pandemia da Coronavirus. 

Anche qui, come in Europa, dopo un ultimo periodo di lieve declino, si sta registrando in diversi Stati una ripresa dell’infezione. 

Tra gli Stati che nell’ultima settimana hanno avuto un trend in crescita dei casi e una percentuale di positività del 15% sono l’Idaho, il Wisconsin, il South Dakota ,l’Iowa e il Kansas.

Il tasso di positività è la percentuale di tutti i test che risultano positivi al coronavirus.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a maggio aveva consigliato ai governi di far ripartire le attività economiche con i tassi di positività stabili al 5% o meno per almeno due settimane prima della riapertura.Ma ben 29 Stati, compreso Puerto Rico, hanno superato questo limite. Altri invece sono sotto l’1%, come il Vermont, il Maine,New York e Massachussets. Altri invece come la Louisiana, le Hawaii, il Michigan e il South Carolina sono ancora al di sotto di questo limite.

Le ultime indicazioni del CDC, il Centro per il Controllo e Prevenzione delle Malattie , confermano che le particelle infettive del virus potrebbero muoversi nell’aria. In precedenza la guida affermava che il Covid-19 potesse diffondersi tra le persone entro i due metri e attraverso goccioline respiratorie di una persona infetta che tossisce, starnuta o parla. Le raccomandazioni, aggiornate ad oggi, confermano che il Covid-19 si diffonde tra persone in stretto contatto e pure quando una persona infetta canta, parla, respira, tossisce starnuta o solo respira.Ci si infetta attraverso naso, bocca, vie aeree e polmoni.

 

'Ci sono prove consistenti che le goccioline e le particelle sospese nell'aria possano rimanere sospese nell'aria ed essere respirate da altri. Le goccioline percorrono distanze superiori ai due metri (ad esempio, durante le prove del coro, nei ristoranti o nelle lezioni di fitness). Ed in generale si sviluppano di più nell’interno di locali senza buona ventilazione’.

Ciò che il Covid-19 ha prodotto sta producendo, oltre alle vittime, ai ricoverati e agli infettati è un incremento del livello di stress e depressione.

Senza tralasciare la paura di perdere o il dramma di aver perso il lavoro che sta avendo un forte impatto su una grande parte di americani.

‘I dati suggeriscono che gli individui che hanno continuato a lavorare durante questa prima fase della pandemia erano meno depressi degli individui che non lavoravano, anche se erano a maggior rischio di contrarre il virus’.

Il fattore di stress correlato alla pandemia è la frequenza con cui i partecipanti sono stati esposti a informazioni contrastanti provenienti dalle notizie e dai social media.Le persone sono state immerse nelle notizie per una media di sette ore al giorno, hanno scoperto, e lo stress acuto è aumentato col passare del tempo. Ma rapporti di notizie coerenti, accurati e affidabili possono essere uno dei modi migliori per controllare lo stress, così hanno suggerito i ricercatori ma forse i media non li hanno del tutto ascoltati.

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    covidcoronavirususacontagi
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo

    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.