A- A+
Esteri
Usa, Venezuela e Messico in testa nella lista dei Paesi con narcotraffico

Nell’ultimo rapporto americano relativo al narcotraffico nel mondo il Messico è in uno dei primi posti tra i Paesi dove viene confiscata la maggior parte di anfetamina ed eroina diretta in America.

In questa lista di centri di produzione o transito si vede la Repubblica Dominicana, Haití, Bolivia, Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Nicaragua, Panamá, Perú e Venezuela, oltre ad Afghanistán, Bahamas, Belice, Birmania, Guatemala, Honduras, India, Jamaica, Laos e Pakistán.

Secondo il documento il Messico rappresenta la via di transito per gran parte della droga disponibile diretta negli Usa. Uno dei più coinvolti in questo commercio di droga è ,per l’America, il dittatore venezuelano Nicola s Maduro.

A marzo un tribunale americano ha processato Maduro per narcotraffico e cospirazione nel contrabbando di cocaina in America. Ed è stata messa pure una taglia sul Presidente venezuelano di 15 milioni di dollari utili a prenderlo e a condannarlo.

Insieme a Maduro sono stati condannati molti altri compagni del Governo chavista. ‘Il narcoregime illegittimo di Maduro deve rispondere dei suoi delitti davanti alla giustizia’ si legge nel rapporto'. 

Una nota positiva del lavoro fatto contro la droga si è notata per quanto riguarda la Colombia dove le forze di polizia e i militari hanno operato con successo contro i criminali.

Nonostante alcuni aspetti positivi la coltivazione di cocaina colombiana si mantiene ad un livello inaccettabilmente alto. Per raggiungere l’obiettivo prefissato di ridurre del 50% in 5 anni tale produzione la Colombia deve riprendere l’eliminazione delle coltivazioni attraverso gli aerei.

Nel rapporto si evidenzia molta preoccupazione anche per la situazione in Perù, dove le coltivazioni e le produzioni di cocaina sono molto vicine ai livelli storici.

In Bolivia invece, dopo la rinuncia del Presidente Evo Morales nel novembre 2019, la cooperazione con gli Stati Uniti è cresciuta fortemente.Il governo di transizione ha compiuto sforzi importanti per intercettare le spedizioni di droga e ha ripreso a elaborare le richieste di estradizione dei trafficanti di droga sollevate dagli Stati Uniti.

Però le coltivazioni di coca continuano a superare i limiti legali stabiliti nelle leggi interne della Bolivia per usi medicinali e tradizionali e lo Stato non ha preso misure sufficienti per contrastare il narcotraffico. Il rapporto americano dichiara però che se il Governo boliviano si impegna nel prossimo anno in azioni forti contro l’illegalità potrebbe venir tolto dalla lista dei Paesi ’neri’.

Ma il mirino americano è ormai puntato contro il Venezuela e soprattutto contro il suo dittatore Nicolas Maduro.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    usanarcotrafficomadurovenezuelamessico
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo

    Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.