A- A+
Fatti & Conti
Adozioni, canale preferenziale stabilito: le famiglie affidatarie avranno precedenza

In collaborazione con www.professionisti.it

Presto le famiglie affidatarie di un minore potrebbero essere agevolate nell'adozione dello stesso. La commissione giustizia del Senato ha infatti approvato il disegno di legge n° 1.209, che - salvo sorprese dell'ultimo minuto - dovrebbe ricevere l'ok dell'Aula. Il testo riguarda un tema a cui centinaia di famiglie italiane sono sensibili: quello delle adozioni dei bambini avuti in affidamento. A meno di modifiche, la nuova legge introdurrà un canale preferenziale per le famiglie affidatarie nell'adozione del minore tenuto in affido. Il disegno di legge chiarisce tuttavia che il solo affidamento non basta ad assicurare alla famiglia l'adozione in automatico del bambino avuto con sé per un certo periodo. Dovranno sussistere dei requisiti molto stringenti: ad esempio quello che la famiglia di origine non abbia le possibilità di riprendere con sé il minore. Nei casi in cui, durante il tempo d'affido, si siano verificati miglioramenti della condizione familiare di origine, si procederebbe infatti al rientro del bambino nel nucleo familiare originario. Secondo requisito è che tra il minore e la famiglia affidataria sia nato un legame importante, tale da causare una sofferenza al bambino in caso di distacco. Questo è proprio il principio da cui è stato mosso il legislatore: cioè di evitare al minore ulteriori traumi, sradicandolo dall'ambiente familiare che lo aveva accolto, dopo un passato presumibilmente già abbastanza delicato.

Sarà inoltre compito dei Tribunali dei minori verificare anche che la permanenza del bambino presso la famiglia in questione sia stata prolungata, così da affidarlo a chi si sia preso cura di lui per più tempo. Gli altri requisiti previsti per l'adozione resteranno invece invariati. Ad esempio l'affidamento del minore a una famiglia - almeno sulla carta - non potrà durare più di 24 mesi. Immutati anche i diritti riconosciuti alle famiglie d'origine. Il nuovo testo di legge non vuole infatti favorire le famiglie affidatarie a discapito di quelle d'origine dei bambini, ma semplicemente assicurare a minori già disagiati una soluzione non temporanea che non distrugga relazioni precostituite e non causi ulteriori e inutili sofferenze. Il tema dell'adozione relazionata all'affido era già stato toccato da modifiche da parte del legislatore, che questa volta si è mosso in direzione dell'attribuzione di maggiore tutela e valore all'istituzione dell'affido familiare. Per una materia così delicata, che riguarda il futuro dei bambini, si intende andare alla ricerca della migliore soluzione possibile per la loro crescita e serenità.

Tags:
adozionifamiglie affidatarielegge
Loading...
in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

i più visti
in evidenza
Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

Il rigoletto

Smart working, soft skills
Ripensare il lavoro post-Covid


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.