A- A+
Home
Francia, Macron gay e gigolo. Putin e Assange dietro la macchina del fango
Macron e la moglie Brigitte in un reportage di "Paris Match"

Emmanuel Macron omosessuale e amante segreto del bel giornalista Mathieu Gallet. Emmanuel Macron "cocco" della lobby gay e protegé dell'ultraottantenne Pierre Bergé, celebre uomo d'affari e amante storico di Yves Saint-Laurent. Emmanuel Macron gigolò della sessantaquattrenne Brigitte Trogneux, sua ex professoressa diventata poi legittima consorte, alla quale sarebbe legato da un turpe rapporto d'interesse. Da mesi sui media francesi, e da qualche ora su quelli italiani, si susseguono le voci più sordide sul favorito all'Eliseo, l'affascinante trentanovenne leader di "En Marche" Emmanuel Macron, ex ministro dell'Economia nel secondo governo di Manuel Valls. 

Una tempesta mediatica a base di presunte rivelazioni sulla sua vita sessuale non "ortodossa" che vorrebbe metterne in discussione la folgorante carriera e lo straordinario successo personale alle Presidenziali francesi, al cui primo turno Macron ha sbaragliato tutti gli avversari a "Gauche" e a "Droite" superando di qualche punto percentuale la rivale di estrema destra Marine Le Pen, con cui si scontrerà al secondo turno.

E sarebbe proprio una congiura internazionale volta a favorire Marine Le Pen alle elezioni il fulcro della "macchina del fango" contro il leader di "En Marche", partito da lui fondato nel 2016 dopo l'esperienza governativa nell'ex amministrazione Valls. Una congiura internazionale che partirebbe, e da chi altrimenti?, da Vladimir Putin. Non solo, quindi, il presidente russo avrebbe finanziato la corsa presidenziale della rivale di Macron prestando nove milioni di euro al Front National tramite una banca a lui vicina , come evidenziato da affaritaliani qualche mese fa indagando sui legami italiani del FN, ma avrebbe ordito una sistematica campagna mediatica per gettare discredito sul meno "putiniano" dei candidati all'Eliseo.

Future rivelazioni su una presunta "doppia vita" di Emmanuel Macron furono annunciate qualche tempo fa al quotidiano russo Izvestia dal solito Julian Assange, ormai "cocco", lui sì, della Russia di Putin; future rivelazioni che sarebbero contenute nelle mail di Hillary Clinton (che a quest'ultima già costarono la Casa Bianca) e che vedrebbero "scabrosi" scambi tra il candidato francese e il segretario personale dell'allora candidata americana. Finora, tuttavia, le scandalose scoperte di Assange sarebbero limitate a un invito a cena da parte della Clinton, niente di più.

Il giorno successivo alle dichiarazioni di Assange, è un'altra pubblicazione russa, Sputnik, a ospitare l'intervista al politico francese Nicolas Dhuicq, deputato repubblicano vicino a Putin e a Bashar Al-Assad. Dhuicq, oltre a sottolineare le esperienze pregresse di Macron come investment banker con Rothschild prefigurando tra le righe la solita "lobby ebraica", ha lasciato intendere che il leader di "En Marche" possa essere sostenuto dall'altrettanto solita "lobby gay" che farebbe capo all'ex amante di Yves Saint-Laurent, il potentissimo uomo d'affari Pierre Bergé. Di nuovo una pubblicazione russa contro Macron, e di nuovo un'intervista a un esponente politico legato a Vladimir Putin e a quel Bashar Al-Assad che, secondo la giornalista Marine Turchi, inviava tramite l'ambasciata siriana a Parigi dai centomila ai centocinquantamila euro l'anno a Frederic Chatillon, imprenditore francese di estrema destra ex compagno di scuola e collaboratore di Marine Le Pen, ora trasferitosi in Italia.

I sordidi pettegolezzi sulla vita sessuale del trentanovenne Emmanuel Macron si estendono ovviamente al suo rapporto con la bella e bionda moglie Brigitte, 64 anni, sua ex professoressa. La notevole differenza di età - che non desterebbe alcuno scandalo nel caso in cui fosse lui il più maturo dei due - suscita nel 2017 sufficienti illazioni da giustificare una relazione di copertura dell'omosessualità del candidato all'Eliseo, o - nella migliore delle ipotesi - un legame fra una donna agée e il suo giovane toyboy o, peggio, gigolo

Ovviamente, come in tutte le campagne mediatiche fondate sulla macchina del fango, spunta anche il love affair segreto del favorito all'Eliseo, in questo caso un uomo, Mathieu Gallet, bellissimo giornalista presidente di Radio France. I pettegolezzi sulla presunta relazione fra i due sono di tale intensità che, preoccupati del fatto che sui motori di ricerca (di nuovo il battage di discredito digitale come fu per Hillary Clinton) la prima voce fosse per l'appunto "Macron Gallet", i membri dello staff del candidato presidenziale gli consigliarono di smentire pubblicamente.

"Se fossi gay, lo direi e lo vivrei" dichiara dunque Macron alla rivista omosessuale Tetu, e rincara: "Dire che non è possibile che un uomo viva con una donna più matura, e che perciò non sia altro che un omosessuale velato o un gigolo, è pura misoginia". Aggiungendo una perla: "Se devo dire la verità, non mi amo molto. Non cerco di sedurre per ottenere qualcosa, poiché sedurre non significa amare la gente, significa amare se stessi". Altra botta a chi lo considera narcisista e subdolo, insinuando che siano due caratteristiche tipiche dei gay. 

"Se avesse voluto occultare la propria omosessualità, Emmanuel Macron avrebbe scelto una donna così tanto più vecchia di lui?" lo difendono i suoi estimatori e sostenitori (risultando tanto misogini quanto i suoi detrattori). Ma la domanda vera da porre è: "Se Macron fosse gay, ciò inciderebbe sulla bontà della sua amministrazione nel caso in cui dovesse diventare Presidente?". Qualcuno obietta che a quel punto potrebbe essere ricattabile, in particolar modo dalla Russia come un tempo si diceva fosse ricattato Alberto di Monaco, anche lui tacciato più volte di essere gay in segreto. Ma siamo sicuri che, con la moglie consenziente, se anche si dovesse scoprire che Emmanuel Macron fosse omosessuale, la Francia ne chiederebbe la testa?

Per adesso, il risultato del primo turno delle elezioni lo ha premiato, dimostrando che gli squallidi pettegolezzi sulla sua vita privata e la macchina del fango non hanno attecchito e che, amanti gay o meno e rapporti "strani" con la moglie o meno, i francesi hanno preferito concentrarsi sul suo programma e sulla lotta per arginare l'avanzata dei movimenti populisti europei. Guarda caso, sostenuti sempre da lui, Vladimir Putin; vero intrigo su cui occorrerebbe indagare lasciando da parte - una volta per tutte - le questioni di letto.

 

Mathieu GalletMathieu Gallet, il presunto amante di Macron

 
Macron 2Bacio Macron-Valls
 
Macron 5Bacio Macron-Valls

 
Macron 4Macron e la moglie Brigitte nel chiacchierato reportage di "Paris Match"
 
Macron 1Macron con la moglie Brigitte
 
Macron 3
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
franciamacronmacron gayputinassangerussiaelezioni presidenziali francesimarine le penvallsmathieu gallet
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.