A- A+
Gallery

 

Successo per il video, ormai divenuto virale, del comico saudita Hisham Fageeg che, sulle note della famosa canzone di Bob Marley 'No woman, no cry', mette alla berlina la misoginia maschile e spezza una lancia a favore della lotta delle sue connazionali per conquistare il diritto di guidare l'auto. 'No woman, no drive' e' stato gia' visto da quasi 3,5 milioni di persone: 4,15 minuti di pura satira, in cui Fageeg, insieme a Fahad Albutairi e ad Alaa Wardi, ironizza sulla condizione femminile.

Presentandosi come artista e attivista sociale, vestito con l'abito tradizionale, Fageeg racconta di aver udito la canzone mentre si trovava negli Stati Uniti a studiare e di aver "deciso di fare la mia versione ma con parole attinenti alla mia cultura". "Mi ricordo quando eravate abituate a sedere nella macchina di famiglia, ma sul sedile posteriore", canta il comico, "abbiamo avuto buoni amici e li abbiamo persi, sull'autostrada, in questo futuro luminoso non puoi dimenticare il tuo passato, quindi metti via la chiave dell'auto".

Non passa inosservato neanche il riferimento alla recente fatwa di un leader religioso saudita che aveva messo in guardia le donne dal guidare per il timore che mettesse a rischio la loro capacita' di riproduzione. "Le ovaie sono al sicuro, cosi' puoi fare tanti e tanti bambini", ironizza il cantante, invitando le connazionali a "non toccare quel volante". Il video e' stato postato sabato scorso, in occasione dell'iniziativa lanciata nel regno saudita da un gruppo di attiviste per chiedere al governo di abolire il divieto di guida per le donne. Le organizzatrici, che avevano invitato le sostenitrici a mettersi al volante come atto di protesta, hanno dovuto ridimensionare il progetto dopo che le autorita' hanno minacciato di punire chiunque avesse violato la legge. Tuttavia, sono state almeno 16 le donne fermate e multate dalla polizia mentre guidavano. Nel 2011, le attiviste bloccate mentre erano al volante in un'iniziativa simile erano state costrette a firmare un documento nel quale promettevano di non guidare di nuovo. 

Proteste anche davanti all’Ambasciata Saudita a Berlino, dove un gruppo di femen - con la bandiera dello Stato mediorientale dipinta sul petto - hanno manifestato per la libertà delle donne. Le ragazze erano a bordo di un’auto e urlavano: “Cammelli agli uomini, macchine alle donne”. La polizia ha fermato le giovani perché la loro protesta non era autorizzata.

Tags:
femenbob marleygoverno saudita
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.