A- A+
Green

Pessima notizia per Toyota. Brutta anche un mercato, quello delle auto ibiride, che cerca di emergere. La principale casa giapponese ha richiamato 242 mila vetture Prius e Lexus perché potrebbero avere dei difetti nell'impianto frenante.

I veicoli coinvolti sono stati prodotti tra marzo e ottobre 2009. Il difetto si anniderebbe nei freni, che in alcuni casi potrebbero funzionare in modo troppo debole. Un inconveniente che, come ammesso dallo stesso costruttore, allungherebbe lo spazio necessario all'arresto. Per ora, non sono stati segnalati incidenti dovuti al malfunzionaemnto dei freni sulle auto Toyota, ma il gruppo ha ammesso di aver ricevuto 90 reclami da parte dei clienti. Tutti con la stessa motivazione.

Nel dettaglio, Toyota richiamerà circa 117 mila auto vendute in Giappone, 91 mila negli Stati Uniti, 30 mila in Europa e 3 mila in Asia.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
toyotaibrideauto
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.