A- A+
Green

Voli cancellati, a volte città chiuse (com'è successo la scorsa settimana a Shangai) e una regola: tutti gli abitanti circolano con le maschere anti-smog, quelli che sono riusciti a procurarsele, poiché anche con l'acquisto su internet, bisogna attendere giorni per riceverle. A Pechino e Shangai, le due maggiori città cinesi, ormai si respira più Pm 2,5 che aria. Ieri mattina alle nove, ad esempio, l'apparecchiatura montata nel giardino della sede diplomatica Usa segnava 356. Significa che nel cielo sopra Pechino navigavano 356 microgrammi di Pm 2,5 per metro cubo di aria.

Secondo gli studi dell'Oms, l'Organizzazione mondiale per la sanità, bisognerebbe vivere in ambienti che non superino il livello 20. Sopra 300 gli scienziati dicono che uscire di casa o aprire le finestre è "hazardous", molto rischioso, perché le particelle di inquinamento del diametro di 2,5 micron si infilano in profondità nei polmoni e non ne escono più.

Quest'anno Pechino ha toccato 755 di Pm 2,5 il 12 gennaio: una sorpresa anche per gli scienziati, che avevano previsto una scala fino a quota 500. Il 21 ottobre Harbin, nella provincia nordorientale dello Heilongjiang, è arrivata a 1.000.

Ormai è normale: si guarda fuori dalla finestra e per uscire ci si mette in faccia una mascherina da sala operatoria, o di stoffa. I più consapevoli usano maschere antigas con il filtro. È diventata quasi una moda. Anzi, ora le maschere sono entrate nella moda, perché sabato a Nanchino le ragazze che sfilavano all'aperto in passerella per mostrare una collezione di gioielli le hanno dovute indossare.

L'ondata di smog in questi giorni si è allargata alle città del centro della Cina, ha avvolto anche Shanghai e Nanchino dove sono state chiuse le scuole, fermati i lavori di molti cantieri edili che creano altra polvere, spente le centrali a carbone più vecchie. Non è bastato a scacciare la cappa: centinaia di voli sono stati cancellati, i giornali hanno pubblicato immagini spettrali della sala partenze dell'aeroporto internazionale Hongqiao di Shanghai invasa dalla nube grigio-sporca. Si calcola che un milione e duecentomila cinesi siano morti prematuramente nel 2010 per malattie collegate all'inquinamento dell'aria. L'Oms ha accertato che il Pm 2,5 causa il cancro ai polmoni. Il governo cinese ne è consapevole. A marzo il primo ministro Li Keqiang ha detto: "Non dobbiamo più inseguire la crescita industriale a spese dell'ambiente, perché non è buono essere poveri in una natura meravigliosa, ma non è buono neanche essere ricchi in un ecosistema degradato. E in definitiva respiriamo tutti la stessa aria, poveri, ricchi e governanti".

Ma l'industria cinese marcia ancora a carbone, ne brucia circa quattro miliardi di tonnellate all'anno, quanto tutto il resto del mondo messo insieme. Vanno a carbone le centrali che producono elettricità, le acciaierie. Pechino per esempio è circondata da acciaierie piazzate nelle città della provincia dello Hebei. In questa cintura industriale la maggior parte dell'occupazione è costituita dalle acciaierie, ci vorranno anni per ammodernarle.

Nel frattempo le autorità preposte alla tutela dell'ambiente sequestrano i barbecue piazzati nei cortili delle case di periferia a Pechino. Dicono che contribuiscono a disperdere inquinamento e sarà anche vero, ma certo cominciare dalle grigliate di periferia quando è un intero Paese di 1,3 miliardi di persone che soffoca, sembra un brutto scherzo. L'agenzia statale Xinhua comunque il 26 novembre ha annunciato l'importante operazione: 500 barbecue distrutti.

Qualcuno ha anche pensato che serviva un termine in mandarino per catalogare il fenomeno, perché Pm 2,5 suona troppo occidentale. Una commissione scientifica si è riunita e ha coniato "xikeliwu": "materia di particelle fini". Il risultato è lo stesso, anche lo xikeliwu va nei polmoni. La comunità dei residenti stranieri si è affidata all'inglese e parla di "airpocalypse".

Tags:
cinainquinamento
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.