Roma, 17 set. - (Adnkronos) - Abitudini spesso sbagliate e nocive per l’ambiente e per sé stessi, ma la pandemia ha dato vita a un cambiamento di rotta in grado di contribuire realmente alla riduzione delle emissioni e una maggiore pulizia dell’aria. In molti, sceglieranno di spostarsi di più a piedi e in bici e sempre meno in auto, moto, scooter e utilizzando il trasporto pubblico. E' quello che emerge dall'inchiesta "Senti che aria" (che concentra l’attenzione sulla città di Milano e la sua provincia), progetto promosso da Altroconsumo e finanziato da Regione Lombardia, con il contributo scientifico dell’Università Bocconi. L'organizazzione ha indagato l’esposizione dei pendolari alle diverse sostanze inquinanti del traffico e l’impatto dell’inquinamento sulle abitudini di mobilità. Dall’inchiesta emerge un nuovo approccio degli italiani nei confronti di inquinamento, mobilità sostenibile e abitudini di spostamento, più responsabile a seguito della pandemia. A seguito dell’emergenza Covid-19, si registra infatti un cambiamento importante nella propensione degli italiani all’utilizzo dei mezzi di trasporto: il 27% crede che utilizzerà di meno l’auto, il 25% userà meno moto, scooter e motorini, mentre ben il 34% dichiara che prenderà meno bus, tram e metro. Inoltre, il 37% si muoverà molto di più in bici e il 47% prediligerà gli spostamenti a piedi. Dall’indagine Altroconsumo emerge che i pendolari sono fortemente esposti a sostanze inquinanti nocive per loro e per l’ambiente. Nello specifico, chi si sposta in bici è particolarmente esposto al particolato e al NO2, ma meno al BC (Black Carbon), mentre gli automobilisti nel percorso inalano più Benzene e NO2. Scegliere di combinare più mezzi di trasporti può essere la soluzione per ridurre l’esposizione alle sostanze nocive, ma anche per avere un guadagno in termini di tempo. Infatti, secondo i risultati dell’indagine, il pendolare che affianca l’utilizzo di mezzi pubblici alla bicicletta riesce ad accorciare maggiormente i tempi di percorrenza rispetto a chi usa altre combinazioni di mobilità. Ma quali sono le cause della presenza di sostanze pericolose nell’aria? Per quanto riguarda gli inquinanti veicolari, come mostra l’indagine "Senti che Aria", a Milano il 32% dei rispondenti usa l’auto 6-7 giorni su 7; nell’Hinterland la stessa proporzione sale a più di 1 soggetto su 2, nonostante i tragitti casa lavoro siano inferiori ai 10km nel 44% dei casi. Secondo l’analisi, prima della pandemia ben il 71% dei rispondenti percepiva la cattiva qualità dell’aria causata dal traffico in città almeno “spesso”, in provincia il 40%. L’arrivo della pandemia ha influenzato fortemente anche il mondo degli spostamenti e della mobilità, sottolineando quanto l’inquinamento creato dai mezzi di trasporto sia un problema che non si può più ignorare e provocando comportamenti che si spera diventino regole di vita condivise da tutti gli italiani.

in vetrina
Grande Fratello Vip 5, ELISABETTA GREGORACI CAOS PER LA FRASE A DAYANE MELLO. Gf Vip 5 News

Grande Fratello Vip 5, ELISABETTA GREGORACI CAOS PER LA FRASE A DAYANE MELLO. Gf Vip 5 News

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

motori
Mercedes Classe S, svelata a Padova per la prima volta in Europa

Mercedes Classe S, svelata a Padova per la prima volta in Europa



RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.