A- A+
Green

 

squalo maddalena p

C'è una strage silenziosa che continua nei Paesi asiatici: è quella degli squali, uccisi per avere le loro pinne. Perché? Solo per farne una zuppa. Le associazioni ambientaliste hanno rilanciato la lotta dopo la macabra scoperta di migliaia (15 mila, forse 20 mila) di pinne di squalo lasciate a essiccare sul tetto di un capannone di Hong Kong.

Proprio Hong Kong è uno dei mercati più grandi per le pinne di squalo, usata in una zuppa reputata una grande prelibatezza. La domanda di pinne continua ad aumentare in un mercato sterminato come quello cinese.

Il rituale con il quale si ottengono le pinne è definito "barbaro" dagli ambientalisti. Spesso, denuncia il Wwf, vengono talgliate le pinne quando gli squali sono ancora vivi. I pesci vengono poi lasciati agonizzanti in acqua. Una pratica che costa la vita a 73 milioni di esemplari l'anno. A differenza di altri pesci, gli squali sono particolarmente a rischio perché raggiungono la maturità sessuale piuttosto tardi, dopo i dieci anni, e hanno pochi piccoli alla volta.

Tags:
squaliwwf

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car

Renault svela Scenic Vision, le sua nuova concept car


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.