@paolofiore

Sarà una partita giocata su una scacchiera bianca e rossa. Con l'ingresso della Croazia nell'Unione europea, si farà più forte la lotta tra Prosecco e Prosek. Sono due vini, ma le somiglianze si fermano al nome. Il primo è famoso nel mondo, italiano, soprattutto Veneto. Il secondo è prodotto in Dalmazia, non ha la stessa fama  nè lo stesso successo commerciale ed è un vino liquoroso, un passito da servire a fine pasto. 

Sapori e odori non potrebbero essere più diversi, ma il nome è talmente simile da trarre in inganno. Ed è questo il timore dei produttori di Prosecco. Ingolositi dal successo commerciale del made in Italy, i produttori croati potrebbero approfittare dell'assonanza. Se così fosse verrebbe meno la protezione che le etichette Doc e Docg, con le quali l'Europa dovrebbe proteggere i prodotti di origine controllata (quale è il Prosecco ma non  il Proshek).

vino prosecco@paolofiore

Sarà una partita giocata su una scacchiera bianca e rossa. Con l'ingresso della Croazia nell'Unione europea, si farà più forte la lotta tra Prosecco e Prosek. Sono due vini, ma le somiglianze si fermano al nome. Il primo è famoso nel mondo, italiano, soprattutto Veneto. Il secondo è prodotto in Dalmazia, non ha la stessa fama  nè lo stesso successo commerciale ed è un vino liquoroso, un passito da servire a fine pasto. 

Sapori e odori non potrebbero essere più diversi, ma il nome è talmente simile da trarre in inganno. Ed è questo il timore dei produttori di Prosecco. Ingolositi dal successo commerciale del made in Italy, i produttori croati potrebbero approfittare dell'assonanza. Se così fosse verrebbe meno la protezione che le etichette Doc e Docg, con le quali l'Europa dovrebbe proteggere i prodotti di origine controllata (quale è il Prosecco ma non  il Proshek).

vino prosecco@paolofiore

Sarà una partita giocata su una scacchiera bianca e rossa. Con l'ingresso della Croazia nell'Unione europea, si farà più forte la lotta tra Prosecco e Prosek. Sono due vini, ma le somiglianze si fermano al nome. Il primo è famoso nel mondo, italiano, soprattutto Veneto. Il secondo è prodotto in Dalmazia, non ha la stessa fama  nè lo stesso successo commerciale ed è un vino liquoroso, un passito da servire a fine pasto. 

Sapori e odori non potrebbero essere più diversi, ma il nome è talmente simile da trarre in inganno. Ed è questo il timore dei produttori di Prosecco. Ingolositi dal successo commerciale del made in Italy, i produttori croati potrebbero approfittare dell'assonanza. Se così fosse verrebbe meno la protezione che le etichette Doc e Docg, con le quali l'Europa dovrebbe proteggere i prodotti di origine controllata (quale è il Prosecco ma non  il Proshek).

vino prosecco
A- A+
Green

di Paolo Fiore - twitter@paolofiore

Sarà una partita giocata su una scacchiera bianca e rossa. Con l'ingresso della Croazia nell'Unione europea, si farà più forte la lotta tra Prosecco e Prosek. Sono due vini, ma le somiglianze si fermano al nome. Il primo è famoso nel mondo, italiano, soprattutto Veneto. Il secondo è prodotto in Dalmazia, non ha la stessa fama  nè lo stesso successo commerciale ed è un vino liquoroso, un passito da servire a fine pasto. 

Sapori e odori non potrebbero essere più diversi, ma il nome è talmente simile da trarre in inganno. Ed è questo il timore dei produttori di Prosecco. Ingolositi dal successo commerciale del made in Italy, i produttori croati potrebbero approfittare dell'assonanza. Se così fosse verrebbe meno la protezione che le etichette Doc e Docg, con le quali l'Europa dovrebbe proteggere i prodotti di origine controllata (quale è il Prosecco ma non  il Proshek).

vino prosecco

"La questione è stata già discussa in sede comunitaria al momento della richiesta da parte della Croazia di entrare nella Comunità Europea - afferma ad Affaritaliani.it Giancarlo Vettorello, direttore del Consorzio per la tutela del Prosecco-. A quel tempo la Croazia aveva accettato la rinuncia al nome Prosek in quanto simile a tre denominazioni riconosciute a livello europeo: quella storica, Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg, prodotta nel piccolo territorio collinare in provincia di Treviso, l’Asolo Prosecco Superiore docg e il Prosecco doc. Oggi i produttori croati rivendicano il nome ma la questione è stata già affrontata e chiusa, la denominazione Prosecco con le sue articolazioni storiche é riservata all'Italia".

In sostanza, la Croazia non potrà usare il nome "Prosecco" ma, per ora, non intende rinunciare al Proshek. Per i consumatori meno esperti, resta il problema di quel nome troppo simile. Il timore che il Prosek possa erodere fette di mercato, per ora, è limitato: "Per quanto riguarda l'aspetto produttivo - dice Vettorello - il Prosek è un vino passito, che da quanto sappiamo ha una produzione di 10 mila bottiglie contro i 300 milioni delle tre denominazioni italiane". Una produzione che assicura un fatturato vicino al miliardo e che, nel primo trimestre 2013 ha trainato il settore grazie a un balzo del 29% delle esportazioni.  

Secondo Vettorello, "non si tratta in questa fase di analizzare il problema economico, quanto invece di guardare alle norme europee che sono state poste in tanti anni a difesa delle denominazioni. La legislazione é stata pensata per assicurare una protezione efficace di questo importante patrimonio comune e questo implica un suo rigoroso rispetto. In base a questo principio le denominazioni sono uniche e non devono entrare in conflitto tra loro. Credo che il caso Tocai sia stato esemplare in questo senso".

La lotta per il nome ha infatti un precedente. A farne le spese è stato il Tocai, dal 2007 ribattezzato "Friulano". L'Unione europea vietò l'uso del nome perché troppo simile al Doc ungherese Tokay. Adesso il problema torna d'attualità. I produttori croati si difendono affermando che anche il Prosek è un prodotto della tradizione. Il Consorzio per la tutuela del Prosecco ribatte: "Si tratta di rispettare la normativa vigente in Europa e di dare attuazione agli impegni che a suo tempo la Croazia in fase di adesione si é assunta". E il governo come si sta muovendo? "Sappiamo che il ministero é impegnato perché questi impegni vengano rispettati e non si deroghi alla normativa".        

Tags:
proseccovinomade in italy
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.