Roma, 28 lug. (Labitalia) - "Domani scenderemo in piazza per spiegare, o meglio ribadire, cosa non ha funzionato in questi mesi nella gestione degli ammortizzatori sociali emergenziali e le problematiche che abbiamo affrontato come consulenti del lavoro per far fronte alle esigenze di imprese e lavoratori per le richieste di sussidio". Così Marina Calderone, presidente del Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro, intervista da Adnkronos/Labitalia, presenta la mobilitazione dei consulenti del lavoro, in programma domani dalle 15 in piazza Monte Citorio, nel corso della quale presenteranno ai parlamentari un dossier su cosa non ha funzionato in materia di ammortizzatori sociali e sulle criticità burocratiche affrontate in questi mesi Nel mirino di Calderone e dei consulenti del lavoro "lungaggini burocratiche, normative incongruenti, circolari intempestive e tempistiche certamente non adatte a fronteggiare una situazione emergenziale come quella che il Paese sta ancora vivendo", avverte. "Abbiamo più volte in questi mesi -ribadisce Calderone- avanzato richieste, fornito il nostro contributo e sottoposto alcune proposte. Queste ultime, però, sono state spesso inascoltate. Crediamo sia giunta l’ora che il Parlamento si faccia carico della situazione in tutta la sua complessità e drammaticità e trovi un'immediata soluzione normativa", aggiunge. E sul tema degli ammortizzatori sociali i consulenti del lavoro hanno le idee ben chiare. "Nella prospettiva -spiega Calderone- di una vera semplificazione in materia di ammortizzatori sociali, crediamo che la strada da seguire sia quella di introdurre un ammortizzatore sociale unico, perché unica la motivazione della richiesta di cassa integrazione in questi mesi di emergenza. Una proposta da noi già formulata nel corso del dibattito parlamentare per la conversione in legge del dl n. 18/2020 ma mai recepita. E con evidenti danni sotto gli occhi di tutti". "Dall’inizio della pandemia -ribadisce Calderone- si è generato un sistema che nella fase di attuazione ha creato diverse confusioni nelle procedure operative, regalandoci quasi 30 modi diversi per richiedere lo stesso sussidio, rallentando in questo modo le tempistiche di erogazione degli aiuti, creando difficoltà ad aziende e professionisti e lasciando ancora oggi molti lavoratori in attesa di percepire la cassa integrazione del mese di maggio", rimarca.E per Calderone il Recovery fund e gli altri aiuti europei "ci auguriamo vengano spesi in maniera oculata per far ripartire l’economia e di conseguenza far tornare a crescere il Paese duramente colpito da questa pandemia. A partire dai nuovi investimenti nelle infrastrutture, viarie e digitali, che possano consentire una vita e un lavoro dignitosi". E ancora, sottolinea Calderone, "pensiamo all’esperimento dello smart working emergenziale, o meglio home working, nel nostro Paese con aziende del tutto impreparate ad organizzare e gestire questa modalità di lavoro che non è una novità per altri Paesi europei. Una cultura del lavoro non radicata in Italia soprattutto perché il nostro Paese non è in grado di garantire una copertura uniforme su tutto il territorio nazionale di banda larga". E ancora, per la leader dei professionisti, "interventi per ridurre significativamente il cuneo contributivo e fiscale che nel nostro Paese è troppo alto e per incentivare l’occupazione giovanile nuove forme di flessibilità che intercettano le esigenze di un mondo del lavoro in cambiamento", aggiunge ancora Calderone. E per i prossimi mesi, se non ci saranno inversioni di rotta, secondo Calderone le previsioni per i professionisti non sono delle più rosee. "Certamente un autunno caldo per tutte le professioni italiane che hanno subito perdite di fatturato al pari di tante altre attività economiche del Paese e sono stati esclusi da aiuti e contributi per far fronte al periodo difficile di questi mesi. E siamo certi che gli effetti del lockdown non si esauriranno nel breve periodo", sottolinea Calderone. "Per questo, è necessario -spiega Calderone- che il governo rivaluti il contributo delle professioni italiane, anche in termini di sussidiarietà, nelle prossime occasioni. I consulenti del lavoro, inoltre, dopo mesi di incessante lavoro, anche notturno, saranno ancora alle prese con la proroga già annunciata degli ammortizzatori sociali e probabilmente con nuove misure che, se gestite con le modalità utilizzate finora, porteranno ulteriore confusione". "Senza dimenticare -aggiunge Calderone- le scadenze fiscali di settembre. L’autunno, dunque, dipenderà da come il governo deciderà di gestire gli ultimi mesi dell’anno e se ci sarà la disponibilità nell’ascoltare più i professionisti su alcuni processi tecnici, fondamentali per gestire meglio e con più tempestività problematiche già riscontrate in questa prima fase di emergenza", conclude.

in evidenza
Da Arisa a Franco126 Le uscite musicali dell’estate

Costume

Da Arisa a Franco126
Le uscite musicali dell’estate

in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

motori
Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Intervista a Rosario Rasizza: il ruolo post-covid delle agenzie per il lavoro
Paolo Brambilla - Trendiest
Visual Marketing e Gadget Aziendali: come promuovere il brand di un'azienda
Redazione
Perchè è consigliato avere un'assicurazione viaggio in Italia
Anna Capuano


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.