Roma, 28 lug. (Labitalia) - "L’export di beni e servizi è uno dei punti di forza del sistema economico italiano: secondo Istat coinvolge oltre 130 mila operatori italiani e, solo nell’ultimo anno, ha portato a un avanzo di bilancio commerciale di 52,9 miliardi di euro. Per questo puntare all’internazionalizzazione delle tante pmiche caratterizzano il nostro ecosistema imprenditoriale è un obiettivo strategico per rilanciare la nostra economia dopo il Covid-19". Così Ernesto Lanzillo, private leader di Deloitte Italia, commenta i dati sull’export italiano pubblicati da Ice e Istat diffusi oggi. "Per tornare ai livelli di export del 2019, secondo l’analisi di Ice-Istat, ci vorranno due anni. Un tempo ragionevole, se si considera l’impatto senza precedenti del nuovo Coronavirus sull’economia mondiale", spiega Lanzillo. "C’è motivo - sostiene - per essere ottimisti, perché, nonostante questa battuta d’arresto, dai dati emerge chiaramente che le imprese italiane hanno un potenziale di crescita molto significativo sia nei Paesi in cui hanno rapporti commerciali consolidati (Usa, Ue), sia nei mercati emergenti dell’Asia". "In questa fase difficile - commenta Eugenio Puddu, consumer products leader di Deloitte Italia - alcune imprese sono riuscite a fare di necessità virtù: sono passate al digitale e sono riuscite a ritagliarsi fette di mercato internazionale tramite l’e-commerce. L’Ice da tempo segnala un trend di crescita degli e-consumer dall’estero: solo nell’ultimo anno c’è stato un +9% degli acquirenti on-line nel mondo. Ad oggi, quindi, si stima una platea totale di 1,45 miliardi di potenziali clienti che le nostre imprese possono sempre più facilmente raggiungere investendo sulla digitalizzazione dei propri canali di vendita. Un’occasione che non possiamo perdere". "Ma non bisogna abbassare la guardia - sostiene Puddu - secondo Istat il fatturato è diminuito nel 71,5% delle imprese e solo il 32,5% delle imprese ha dichiarato di avere potuto operare durante le varie fasi di lockdown. Questo vuol dire che molte aziende non erano pronte ad affrontare una crisi del genere. E' quindi arrivato il momento di implementare una strategia di risposta alla crisi. Esattamente quello che, già da tempo, abbiamo proposto ai nostri clienti con il Recovery playbook". "Pensata -chiarisce - come strategia comprensiva di tutti i fondamentali, il nostro Recovery playbook si basa su sei pilastri: risanare il fatturato; aumentare i margini operativi; ottimizzare asset, passività e liquidità; accelerare la digitalizzazione; aggiornare l’organizzazione del lavoro; gestire le aspettative degli stakeholder". Sebbene i piccoli e medi imprenditori "abbiano dimostrato capacità di reazione ed adattamento uniche nella fase di picco pandemico, avranno bisogno di supporto da parte del sistema paese con azioni di finanza strutturale per il sostegno al rilancio delle attività sul mercato internazionale e nazionale, affinando competenze digitali ed organizzative per le quali sono opportune azioni di formazione e supporto strutturate da parte di tutti gli interlocutori di sistema".

in evidenza
Da Arisa a Franco126 Le uscite musicali dell’estate

Costume

Da Arisa a Franco126
Le uscite musicali dell’estate

in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

motori
Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

Kia, a settembre svela la nuova gamma Stonic

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Intervista a Rosario Rasizza: il ruolo post-covid delle agenzie per il lavoro
Paolo Brambilla - Trendiest
Visual Marketing e Gadget Aziendali: come promuovere il brand di un'azienda
Redazione
Perchè è consigliato avere un'assicurazione viaggio in Italia
Anna Capuano


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.