Roma, 26 nov. (Labitalia) - "Dobbiamo fare una premessa. Rispetto a marzo, aprile e maggio, c'è più consapevolezza su come affrontare il virus. E anche nelle zone cosiddette 'rosse' non c'è una chiusura totale delle aziende come avvenuto nella primavera scorsa. E questo sta influendo anche sugli assistenti familiari: colf, badanti e babysitter stanno lavorando tranquillamente nelle famiglie, utilizzando naturalmente tutte le misure del distanziamento sociale e dei dpi, specie nelle case in cui ci sono anziani, malati e bambini, e cioè soggetti più rischio per il virus. Nei lavoratori e nelle famiglie non c'è più paura come nella primavera scorsa". Così Andrea Zini, presidente di Assindatcolf, l'Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, intervistato da Adnkronos/Labitalia, su come la seconda ondata da Covid-19 sta influendo sul lavoro degli assistenti familiari nel nostro Paese. Naturalmente, sottolinea Zini, "gli assistenti familiari continuano a lavorare nelle famiglie, se non ci sono problemi economici delle stesse, dovuti sempre all'emergenza: in quel caso, le famiglie decidono di non avvalersi più del loro contributo". "Si tratta sia di piccoli imprenditori, ma anche di dipendenti di imprese che si trovano in cassa integrazione e che proprio per questo non possono permettersi un'assistente familiare e in più, essendo in cig, hanno anche più tempo a disposizione da dedicare alle attività che vengono solitamente svolte dagli assistenti familiari", spiega ancora Zini. E per venire incontro, prosegue, "a questi assistenti familiari che operano in famiglie che non possono più permettersi economicamente i loro servizi, abbiamo chiesto l'erogazione della cassa in deroga". "Si tratta comunque di un numero residuale e non della situazione della primavera scorsa quando tantissimi assistenti familiari si ritrovarono senza lavoro e dovettero chiedere il contributo dallo Stato", sottolinea Zini. E dal presidente dell'associazione di categoria arriva un altro appello alle istituzioni. "Stiamo sollecitando i decisori politici a tutti i livelli, Parlamento, governo e Regioni affinché anche agli assistenti familiari, cioè colf, badanti e anche babysitter, di persone non autosufficienti sia dedicato nei prossimi mesi un piano vaccini anti Covid-19. Perchè se è vero che è previsto il vaccino per il personale sanitario e anche per gli operatori delle Rsa, allora è necessario garantirlo anche agli assistenti familiari che operano con le persone non autosufficienti", conclude Zini.

in evidenza
Filippo trasferito in altro ospedale La Royal Family "supplica" Harry

"Accertamenti cardiaci"

Filippo trasferito in altro ospedale
La Royal Family "supplica" Harry

in vetrina
Georgina Rodriguez bikini spettacolare. Lady CR7: "Mi piaccione le mie.." FOTO

Georgina Rodriguez bikini spettacolare. Lady CR7: "Mi piaccione le mie.." FOTO

motori
Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Draghi: svolta radicale nella lotta al Covid-19, ma restano domande irrisolte
Massimo Puricelli
Ascolti tv, Signorini fa tremare il commissario Ricciardi
Francesco Fredella
Arriva il generale Figliuolo, avete ancora dubbi sulla deriva autoritaria?
L'OPINIONE di Diego Fusaro


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

I sondaggi di AI

Ha fatto bene Draghi a sostituire il commissario all'emergenza Arcuri?

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.