Roma, 14 set. (Labitalia) - Dai vigilantes privati ai lavoratori della grande distribuzione, dai dipendenti degli alberghi a quelli degli studi professionali. Sono circa 5 milioni i lavoratori del terziario, commercio e servizi con il contratto collettivo nazionale di lavoro scaduto e in attesa del rinnovo. Settori che in questi mesi di emergenza Covid-19 sono stati tra i più colpiti dagli effetti del lockdown, con alberghi e negozi che non hanno più riaperto e decine di migliaia di lavoratori in cassa integrazione. "E ancora adesso ci sono lavoratori che la cassa integrazione non l'hanno ancora neanche ricevuta. Ma anche per questo è arrivato il momento di ritornare al tavolo e contrattare il rinnovo dei contratti. Alle controparti diciamo basta 'tirare a campare': dobbiamo rinnovare i contratti anche per poi ragionare insieme con il governo sulla tenuta occupazionale dei nostri settori", è l'appello che, intervistato da Adnkronos/Labitalia, lancia Bruno Boco, segretario generale della Uiltucs. Secondo Boco "è inaccettabile che ci siano lavoratori, come i 60mila vigilantes privati, in attesa del rinnovo del contratto da quasi con la perdita del potere d'acquisto che ne deriva". Ma l'elenco dei contratti scaduti nel perimetro d'azione della Uiltcus è lungo. "Abbiamo il contratto dei dipendenti degli studi professionali e dei professionisti di studio, sottoscritto con Confprofessioni -racconta Boco- che è scaduto il 31 marzo 2018 e che interessa circa un milione di lavoratori. E poi abbiamo il contratto del turismo alberghi, campeggi e agenzie di viaggi che abbiamo sottoscritto sia con Federturismo, aderente a Confindustria, sia con Federalberghi, aderente a Confcommercio. Entrambe le intese sono scadute e riguardano un milione di persone", sottolinea Boco. E alla fine dell'anno scorso, sottolinea Boco, "è scaduto anche il contratto collettivo nazionale di lavoro con Confcommercio per terziario e commercio, che ricomprende piccola, grande e media distribuzione, aziende di servizi alle imprese ma anche ad esempio i concessionari di auto che non producono in Italia. Stiamo parlando di 3 milioni di persone. L'emergenza Covid-19 -sottolinea ancora Boco- ha bloccato tutto, la piattaforma non è partita e il confronto non è iniziato", sottolinea amaro. E la stessa situazione vale "per il contratto che abbiamo, sempre scaduto al 31 dicembre 2019, con Federdistribuzione per le aziende della distribuzione moderna organizzata, e che riguarda circa 200mila lavoratori". E non è finita perché, ricorda ancora Boco, "è scaduto sempre lo scorso 31 dicembre 2019 il contratto della cooperazione che ricomprende tutte le grandi centrali cooperative, per un totale di 70mila addetti". Una situazione quindi delicata, secondo Boco, per lavoratori "tra i più colpiti dall'emergenza Covid-19 e dal lockdown. In quelle settimane qui in ufficio ricevevamo 5mila domande di cassa integrazione al giorno, lottando con le aziende perchè l'anticipassero di tasca loro ai lavoratori, a volte riuscendoci, a volte no". Una situazione esplosiva che "ancora in alcuni settori non si è risolta. A Roma, a Milano, ma anche nelle località turistiche sono tantissimi gli alberghi rimasti chiusi. E se -avverte Boco- non si interverrà nel modo giusto il rischio è che le tante professionalità che ci sono in questo settore si disperdano. E per questo chiediamo alle controparti di tornare a sederci intorno al tavolo. Per rinnovare i contratti -sottolinea ancora- e per inserire all'interno quella progettualità, diverse in ogni settore, da poi condividere con il governo per riuscire a garantire la continuità occupazionale da un lato e la ripresa economica dall'altro", conclude Boco. (di Fabio Paluccio)

in evidenza
30 anni da professionista dilettante Autobiografia artistica del Liga

Il rigoletto

30 anni da professionista dilettante
Autobiografia artistica del Liga

in vetrina
Previsioni meteo: da lunedì pioggia in tutta Italia e neve sopra i 1200 metri

Previsioni meteo: da lunedì pioggia in tutta Italia e neve sopra i 1200 metri

motori
Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo

Mirafiori, il più grande complesso di FCA nel mondo

i più visti
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Just Cavalli Milano: è tempo di Brunch, perché il pomeriggio è la nuova notte!
Francesca Lovatelli Caetani
Lo Statuto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite compie 75 anni
Paolo Brambilla - Trendiest
Mario Picozza, Presidente di ANDeA, lancia un appello per la Dermatite Atopica
Redazione Trendiest News

I sondaggi di AI

Nuovo Dpcm, come giudichi le misure del governo?


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.