Roma, 9 set. (Labitalia) - "Ha ragione il ministro Brunetta: non si può continuare a lavorare tutti da casa anche perché la pandemia per fortuna sta rientrando. Sediamoci al tavolo e vediamo con equilibrio la modalità ordinaria anche di smart working". Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Barbara Casagrande, segretario generale di Unadis (Unione Nazionale Dirigenti dello Stato), commentando le ultime dichiarazioni del Ministro della Pubblica Amministrazione. "Come dirigenti pubblici -prosegue Casagrande- abbiamo da sempre commentato con favore lo smart working, e la Pa ha continuato anche nell'emergenza covid a erogare servizi grazie a persone veramente eccellenti che da casa hanno, addirittura con strumentazioni personali nel momento clou della pandemia, continuato a rendere prestazioni lavorative. Hanno utilizzato pc personali, cellulari personali, linee telefoniche e internet personali, abbiamo fatto call, siamo riusciti a collegarci in rete con gli archivi: solo dopo è arrivata qualche strumentazione di servizio".Secondo noi, "lo smart working nella Pa durante la pandemia ha funzionato bene". Ma è stato "un lavoro a domicilio all'italiana", come ha detto il ministro della Pa, Renato Brunetta? "Si -risponde Casagrande- all'italiana ma in senso positivo. E' stato un elogio al genio italico e vuol dire che il Paese non si è fermato, è cresciuto, la Pa non solo ha continuato a salvare vite umane, a vaccinare, a fare lezione, a fare la didattica a distanza ma anche la Pa centrale ha continuato a erogare fondi alle Regioni e ai Comuni e a far funzionare le opere pubbliche". "Quindi, sì all'italiana -ribadisce Casagrande- ma in senso positivo. Del genio italico che organizza e risolve i problemi, andando anche oltre quelle che sono i vincoli burocratici e amministrativi"."Certo, lo smart working in emergenza è una cosa, il lavoro agile a regime -precisa la leader Unadis- è un'altra. Ma cogliendo quello che di positivo ci ha insegnato la pandemia, possiamo anche pensare di portare in smart working il 30% dei lavoratori della Pa. Perchè lo smart working ha funzionato e laddove non ha funzionato, lo ha fatto magari con persone più in là con gli anni. Ma se noi rinnoviamo la Pa, avremo 'teste' più fresche e con più competenze digitali. La fisiologia del sistema comunque è positiva".Dopo l'emergenza, comunque, dice Casagrande, "non si può pensare che tutti lavorino da casa, perché non c'è più la pandemia. Ma si può fare un lavoro agile a regime individuando bene gli uffici e i servizi che lo possono fare. E magari si decongestionano le città dal traffico si risparmiano degli spazi negli uffici. Abbiamo risparmiato tanto grazie al lavoro agile, è bene ricordarlo", conclude.

in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium

i più visti
i blog di affari
Green Pass obbligatorio, alternativa allettante: benedizione o campare d'aria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
MICHETTI: SARO' IL SINDACO DELL'ARMONIA
Green Pass obbligatorio, Italia avamposto del nuovo ordine terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro



Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.