A- A+
Libri & Editori
Ecco i 12 momenti decisivi dei primi 10 anni di Facebook

 

Oggi, 4 febbraio 2014, Facebook compie 10 anni. Raccontare tutta la sua storia, dai dormitori di Harvard fino alla quotazione in borsa e oltre, non è cosa facile. Ci ha provato "Storybook", l'e-book edito da goWare scritto dal giornalista esperto di social media Lorenzo Mannella.
Ecco un riassunto del percorso compiuto dall'azienda di Mark Zuckerberg finora, a cura dello stesso autore del libro digitale.

 

2003: nell'autunnno Zuckerberg lancia Facemash, un sito per votare lo studente più cool.  Viene avvicinato da tre studenti che vogliono lanciare il social network HarvardConnection: Zuck “ruberà” loro l'idea.

2004: Zuckerberg lancia il suo Thefacebook dal dormitorio di Harvard. Nel giro di un anno, la startup arriva a contare un milione di utenti e intasca un finanziamento da 500mila dollari. Ma HarvardConnection – ora ConnectU – lo porta in tribunale.

Tutto quello che c'è da sapere sull'e-book "Storybook" di Lorenzo Mannella (goWare)

 

 

Oggi, 4 febbraio 2014, Facebook compie dieci anni. Un compleanno che non può passare inosservato perché Facebook è parte della vita di oltre un miliardo di persone. Questo ebook è la storia dei primi dieci anni del social network lanciato da un gruppo di studenti in un dormitorio di Harvard il 4 febbraio 2004 e diventato una multinazionale con più di un miliardo di clienti. Mark Zuckerberg preferisce chiamarli utenti, ma tutti sanno che Facebook rivende i dati personali degli iscritti alle aziende pubblicitarie. È il nucleo del suo business e in questo non c’è alcunché di male. Almeno fino a quando di mezzo non ci si mette l’NSA con il suo programma di sorveglianza globale PRISM. Raccontare Facebook significa osservare tutte le sfaccettature della storia, e capire qual è la chiave di volta che tiene in piedi un social network immenso, capace di consumare tanta energia quanto cinquantamila famiglie americane. Ma Facebook è anche un servizio capace di consumare il nostro tempo e di farci perdere di vista il confine tra ciò che dovremmo condividere con gli altri e ciò che, invece, dovremmo tenere offline. Perché nell’era delle interazioni sociali, la privacy è diventata un bene sempre più raro e difficile da tutelare. Storybook, che si può leggere nel tempo di una sessione media su Facebook, segue l’evoluzione del social network anno dopo anno, e si concentra anche su uno dei suoi futuri possibili: la collaborazione con gli utenti. La conversazione con un miliardo di persone è un business davvero complicato. Una ricca sezione di infografica e la traduzione del manifesto di Zuckerberg “The hacker way” completano questo ebook che mette insieme nel modo più chiaro possibile tutti i pezzi del puzzle di Facebook in un racconto unico di dieci anni di storia, dal 2004 fino al 2013 compresi, del social network più grande al mondo.

L’autore  - Lorenzo Mannella è un giornalista che si occupa di scienza e tecnologia, con una passione nascosta per la fantascienza. È l’editor di Motherboard Italia, il progetto di VICE dedicato alla scienza. Ha lavorato tra Roma e Bologna come freelance per “Galileo”, “Wired”, CheFuturo! e Maker Faire Rome. Ha iniziato a utilizzare Facebook molto tardi, nel 2010, ma si è messo subito in pari con gli altri. Ha un occhio di riguardo per l’evoluzione della privacy nell’era digitale e tende a farsi troppe domande sul tema. Con goWare ha pubblicato Troglodata, il futuro di Internet visto dalle nostre caverne (2013).

2005: Zuckerberg acquista il dominio Facebook.com per 200mila dollari e apre le iscrizioni anche agli studenti delle superiori. Nel frattempo, Sean Parker è costretto a dimettersi da presidente dell'azienda per un controverso scandalo di droga. Accel Partners investe 12,7 milioni di dollari in Faceboook.

2006: Facebook apre le iscrizioni a tutti e introduce News  Feed, il sistema di notifiche che aggiorna gli utenti su tutto ciò che fanno i loro amici. La nuova funzione scatena molte proteste online e Zuckerberg è costretto a intervenire per rafforzare le opzioni di privacy del social network.

2007: Facebook supera i 24 milioni di utenti e per Zuckerberg arriva il momento di aprire la piattaforma agli sviluppatori web esterni. Nel frattempo, Microsoft investe 240 milioni di dollari per gestire in esclusiva gli annunci sul social network. Gli sponsor pesano sempre di più, a discapito della privacy.

2008: Zuckerberg strappa una figura di spicco a Google: Sheryl Sandberg diventa il nuovo COO di Facebook. La sua esperienza sarà fondamentale per gestire la crescita dell'azienda, che finalmente chiude la disputa legale con ConnectU e tenta invano di acquistare Twitter per 500 milioni di dollari.

2009: Facebook raggiunge il suo primo pareggio di bilancio, e sfiora quota 150 milioni di utenti. Il gruppo russo Digital Skies Technologies investe 200 milioni di dollari, e Zuckerberg non perde tempo, acquistando il sito FriendFeed per quasi 50 milioni. È introdotto il tasto “like”, ma gli aggiornamenti della privacy non riscuotono lo stesso succeso.

2010: Il film “The Social Network” esce nelle sale, ma Zuckerberg non è entusiasta del ritratto spietato della sua azienda. Facebook inizia a lavorare a una strategia per migliorare il settore mobile, ben sapendo che i suoi 500 milioni di utenti peseranno molto presto su smartphone e tablet.

2011: Goldman Sachs investe 500 milioni di dollari in Facebook, ma grazie a una cordata di clienti privati punta a smuovere fino a 1,5 miliardi. Nel frattempo, il social network lavora al nuovo profilo timeline, che nel giro di pochi mesi cambierà la vita di 800 milioni di utenti.

2012: Facebook sbarca a Wall Street, e gli investitori fanno a gara per acquistare i titoli dell'azienda quotata fino a 100 miliardi di dollari. Il social network è messo a nudo per la prima volta, e non si può fare a meno di notare che il tasso di crescita del sito è calato rispetto ai primi anni.

2013: I leak di Edward Snowden rivelano che anche Facebook avrebbe preso parte a PRISM, il programma di intercettazione dell'NSA. Il social network supera il miliardo di utenti e annuncia il lancio di Open Graph, il motore di ricerca interno capace di setacciare tutta la rete social in base a chiavi di ricerca dettagliate.

2014: Facebook dichiara di avere fatturato più di 7,2 miliardi di euro nell'anno precedente. Decide di espandere il mercato mobile, ora diventato un asse portante, sviluppando Paper, una app a sé stante che raccoglie i contenuti condivisi sul social network in una veste grafica più ricercata e intuitiva.

(selezione a cura di Lorenzo Mannella @loremann)

 

ECCO COM'ERA FACEBOOK IN ORIGINE...

Facebookorigini
 
Tags:
facebookfacebook compleannofacebook 10 annizuckerberglorenzo mannellagowarestorybook
Loading...
in vetrina
Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Il 2 giugno con il Covid-19 Salvini e il milite ignoto...

Coronavirus vissuto con ironia

Il 2 giugno con il Covid-19
Salvini e il milite ignoto...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.