A- A+
Libri & Editori
"Il caso Ayrton Senna". In un e-book tutta la verità sul processo

Il primo maggio 1994 la Williams di Ayrton Senna si schiantò contro il muro del Tamburello nel Gran Premio di San Marino a Imola. A partire dal 1997 ebbe avvio il processo che riconobbe la causa della morte nella rottura del piantone dello sterzo e assolse con formule diverse i tre imputati: il patron della Scuderia Williams F1 Frank Williams, il progettista della vettura Adrian Newey e il direttore tecnico del team Patrick Head.

A vent'anni dalla morte di Senna, i fatti giudiziari emersi nel processo e il suo mito rivivono nel libro Il caso Ayrton Senna. Tutta la verità sul processo, scritto da Nicola Santoro che ha seguito il processo di primo grado tenutosi a Imola tra il 1996 e il 1999 come inviato per conto di diversi giornali, e edito da goWare in una versione digitale ampliata e aggiornata fino ai successivi processi di Appello e Cassazione.

Ayrton Senna Da Silva non è stato solo un grande pilota, forse il più grande, ma un personaggio ideale, irripetibile, il portabandiera di un paese disagiato, divenuto mito contemporaneo. Con tre mondiali vinti e sessantacinque pole position all’attivo, nulla sembrava poterlo fermare. La sua morte, apparentemente inspiegabile, inaspettata, improvvisa, alla guida della migliore monoposto di quegli anni, ha cristallizzato il mito, che resiste a vent’anni di distanza.

«Ho pensato molto a come definire Senna – scrive Nicola Santoro nel suo libro – mi sono scervellato per giorni e giorni e alla fine ho concluso che, forse, l’unica definizione possibile è quella che ne dà Christopher Hilton nel suo libro The Genius: una preda inafferrabile. Una preda che ha corso da sola sino al momento dell’arresto obbligato, a Imola».

Nell'e-book di Nicola Santoro ci sono gli ultimi mesi, gli ultimi giorni e i tanti anni trascorsi da allora in cui le aule giudiziarie hanno ospitato a più riprese avvocati e periti intenti a dibattere del come e del perché Ayrton Senna è uscito di pista mentre era al comando dell’ennesimo Gran Premio, dopo l’ennesima Pole Position destinata a trasformarsi nell’ennesima vittoria. Perché è morto, che cosa è successo, cosa hanno detto e cosa hanno pensato gli uomini della sua squadra, gli altri piloti, i tecnici, i commissari, e i medici presenti quel giorno a Imola.

L'AUTORE - Nicola Santoro è nato nel 1971. Quando Ayrton Senna è arrivato in Formula 1, era un ragazzino che sfiniva la mamma affinché comprasse “Autosprint”. Ai tempi dei fatti descritti nel libro era inviato al processo per conto di varie testate giornalistiche, ha pubblicato per la prima volta questo libro nel 1999.
Consulente esperto in Marketing e in start-up, è fondatore e CEO di Italian Box. Su twitter @santorotwitt

Senna
 
Tags:
ayrton sennagowaree-book sennasennasenna processo
Loading...
in vetrina
Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto

Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
'Ci vogliono i c..' per governare La frase da noi è stata fraintesa

Coronavirus vissuto con ironia

'Ci vogliono i c..' per governare
La frase da noi è stata fraintesa


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il mitico Nurburgring è la culla dei modelli sportivi Audi

Il mitico Nurburgring è la culla dei modelli sportivi Audi


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.