A- A+
Libri & Editori

Gli Amici di Leonardo Sciascia e la Casa Editrice Olschki annunciano l’uscita del III fascicolo della rivista «Todomodo». La rivista internazionale di studi sciasciani, fondata nel 2011, diretta da Francesco Izzo e Carlo Fiaschi, che ogni anno fa il punto sullo scrittore di Racalmuto pubblicando le ricerche, gli studi e gli approfondimenti intrapresi nel mondo nelle più diverse discipline, dalla letteratura alla filosofia, dalla politica alle arti figurative, dal diritto alla riflessione scientifica.

I contributi del ricco fascicolo (pp. XX-288 con 32 tavole a colori e un’edizione di testa accompagnata da una preziosa acquaforte di André Beuchat) costituiscono collettivamente la migliore risposta alla domanda posta in apertura dall’editoriale della direzione della rivista: “Leonardo Sciascia: perché parlarne e scriverne ancora?”. Tra gli articoli ospitati nel terzo numero, spiccano quelli della corposa Rassegna che presenta gli Atti del Leonardo Sciascia Colloquium svoltosi nel 2012 a Palermo sul Sentimento e coscienza religiosi in Leonardo Sciascia : degni di particolare interesse gli interventi di Carlo Ossola, Claude Ambroise e Massimo Naro. Assume poi un significato speciale la trascrizione di un intervento pubblico di Leonardo Sciascia su Religiosità e ateismo, tratto da una registrazione del 1984 conservata presso gli Archivi di Radio Radicale. Il fascicolo accoglie inoltre il dono di una lettera aperta di Andrea Vitali a Sciascia, che Vitali immagina in "volontario isolamento" per la decadenza dei tempi e della cultura, sperando in un suo ritorno, "ancorché abilmente mascherato", per ragionare, con la sigaretta sempre tra le dita, sull’attuale declino. L’uscita del primo volume delle Opere di Sciascia per i tipi Adelphi, a cura di Paolo Squillacioti, offre lo spunto per il confronto critico tra Bruno Pischedda, Domenico Scarpa e Giorgio Pinotti, riportato nella rubrica “Letture”.

LA MOSTRA A MILANO

Lo Studio Legale La Scala, in collaborazione con l’associazione “Amici di Leonardo Sciascia”, dedica a Mario Francesconi (Viareggio, 1934) una mostra che celebra il famoso scrittore Leonardo Sciascia. “Transiti” segna il ritorno dell'artista a Milano dopo trent’anni di assenza. L'esposizione racconta, attraverso ritratti inediti, sorprendenti per varietà, tematica e ampiezza e alcuni formidabili sketchbooks (per un totale di circa 100 opere realizzate dagli anni ’70 ai giorni nostri), l’amicizia e la frequentazione di Francesconi con Sciascia, unendo uno sguardo retrospettivo alla presentazione della produzione più recente.  La mostra, promossa con il patrocinio del Comune di Milano, dell'Associazione Amici di Leonardo Sciascia, del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux e dalla Fondazione Giuseppe Whitaker, sarà ospitata nella sede milanese dello Studio (via Correggio 43, Milano) da mercoledì 20 novembre sino al 31 gennaio 2014, quando prenderà il volo per il secondo appuntamento espositivo (15 marzo 2014), in programma alla Fondazione Giuseppe Whitaker di Palermo nella cornice maestosa di Villa Malfitano. La mostra è gratuita e aperta al pubblico su appuntamento.
 

La scoperta di un centinaio di ritratti inediti di Sciascia dipinti dal pittore viareggino Mario Francesconi, amato, tra gli altri, da Mario Luzi e Cesare Garboli, e per il quale Sciascia scrisse nel 1970 un testo importante in occasione di una mostra alla Tavolozza di Palermo, ha consentito di pubblicare, nella sezione dal titolo "Persi e ritrovati", una scelta di ritratti, seguiti da un denso saggio di Luigi Cavallo, tra I massimi storici dell’arte del Novecento, da Ardengo Soffici a Ottone Rosai. La rubrica «Contraddisse e si contraddisse», dedicata alle polemiche e alle discussioni, ospita quest’anno contributi su un tema rimosso dalla riflessione politica e culturale contemporanea, quasi sgradito e fastidioso per i commentatori e i protagonisti di quell’epoca : il comportamento degli intellettuali italiani rispetto al dissenso sovietico, prima della caduta del Muro. Il pretesto è offerto dall'intervento di Paolo Mieli del 12 giugno 2012, sul "Corriere della sera", che attribuiva a Sciascia una posizione pavida per non dire ambigua. L'analisi delle carte di archivio ha dimostrato tutt’altro. Si pubblicano una serie di interventi molto utili: quello di Salvatore Ferlita, reso attualissimo anche da alcune scaramucce tra Roberto Calasso e Vittorio Strada , con riferimento al grande Iosif Brodskij ; c’è poi il saggio del giovane ricercatore dell'università di Bari, Simone Guagnelli, «Una indignazione che non arriva all'avversione». Sciascia, il dissenso sovietico e Sinjavskij-Daniel' che ha avuto il merito di svolgere una minuziosa indagine di ricostruzione documentaria; e una conversazione illuminante tra Antonio Stango, esponente del Partito Radicale e attivista di diritti umani e Carlo Ripa di Meana, fondatore della Biennale del Dissenso. Viene infine pubblicato nella rivista un documento che riserverà sicuramente grandi sorprese e sviluppi per la conoscenza di Leonardo Sciascia: i nomi di oltre 800 corrispondenti dello scrittore inventariati nell'archivio della Fondazione omonima di Racalmuto, ad opera della partecipe e sensibile direttrice della biblioteca, Salvatrice Graci. Si tratta di un elenco che va dalla A alla C. Fra i nomi in genere meno citati ma più noti (e ai più, noti), sembrano spiccare, oggi, quelli di Massimo Cacciari, Norberto Bobbio, Alberto Bevilacqua, Henri Cartier-Bresson. In quel mezzo, ci piace ricordare anche artisti straordinari quali Luigi e Sigfrido Bartolini, politici quali Adelaide Aglietta e Emma Bonino, critici raffinati quali Luigi Baldacci e Giuliano Briganti, registi quali Roberto Andò e Bernardo Bertolucci, attori quali Lydia Alfonsi. In chiusura, la vignetta inedita di Giorgio Forattini, appositamente realizzata dal grande disegnatore per la rivista.

Tags:
sciascia
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.