A- A+
Libri & Editori
Per Becchi il "Colpo di Stato" è permanente...

"Il potere sotto cui viviamo oggi ha colpito a morte la nostra Costituzione democratica, rispettandone le regole". Così Paolo Becchi, intellettuale che ha aderito al Movimento 5 Stelle, denuncia l'attuale condizione dell'Italia. In questo libro l'autore descrive le tappe di quel processo che negli ultimi anni ha visto la trasformazione delle istituzioni repubblicane, inaugurata da Monti e proseguita con Letta e Renzi.

È nata così, dopo la crisi berlusconiana, la Terza Repubblica, voluta dalla Troika. La Ragion di Stato - sostiene Becchi - ha rovesciato ogni principio democratico: la legalità è diventata un mezzo tattico per mantenersi al potere anche contro la volontà dei cittadini. E il Parlamento è complice di tutto questo. La forma e le regole sono rispettate, ma la macelleria sociale imposta per salvare l'Euro sta distruggendo il Paese. Un percorso segnato che culminerà forse con le prossime riforme del governo Renzi, volte a coronare "quel colpo di Stato permanente con il quale di fatto è già avvenuto il superamento del governo parlamentare".

BecchiMarsilio
 
Tags:
paolo becchimarsiliocolpo di stato permanentem5sbeppe grillo
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders


casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.