A- A+
Libri & Editori
Per Becchi il "Colpo di Stato" è permanente...

"Il potere sotto cui viviamo oggi ha colpito a morte la nostra Costituzione democratica, rispettandone le regole". Così Paolo Becchi, intellettuale che ha aderito al Movimento 5 Stelle, denuncia l'attuale condizione dell'Italia. In questo libro l'autore descrive le tappe di quel processo che negli ultimi anni ha visto la trasformazione delle istituzioni repubblicane, inaugurata da Monti e proseguita con Letta e Renzi.

È nata così, dopo la crisi berlusconiana, la Terza Repubblica, voluta dalla Troika. La Ragion di Stato - sostiene Becchi - ha rovesciato ogni principio democratico: la legalità è diventata un mezzo tattico per mantenersi al potere anche contro la volontà dei cittadini. E il Parlamento è complice di tutto questo. La forma e le regole sono rispettate, ma la macelleria sociale imposta per salvare l'Euro sta distruggendo il Paese. Un percorso segnato che culminerà forse con le prossime riforme del governo Renzi, volte a coronare "quel colpo di Stato permanente con il quale di fatto è già avvenuto il superamento del governo parlamentare".

BecchiMarsilio
 
Tags:
paolo becchimarsiliocolpo di stato permanentem5sbeppe grillo
in evidenza
Covid vissuto con ironia

Guarda la gallery

Covid vissuto con ironia

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.