A- A+
Liguria
Don Seppia interna

"Chiedo perdono per il mio comportamento ma voglio specificare che non ho mai attuato concretamente cio' che ho detto e scritto nelle telefonate e negli sms intercettati". Lo ha dichiarato stamani l'ex sacerdote genovese, Riccardo Seppia, ai giudici della corte d'appello di Genova di fronte ai quali si e' aperto il processo a suo carico per violenza sessuale su minore, tentata induzione alla prostituzione minorile e cessione di stupefacenti.

Seppia ha fatto dichiarazioni spontanee. Il presidente della Corte, Maria Rosaria D'Angelo, ha aggiornato il processo al 22 marzo unificando il rito all'appello dell'ex sodale di Seppia, l'ex seminarista Emanuele Alfano.

Ci sara' dunque un solo processo. Seppia in primo grado e' stato condannato a nove anni e sei mesi di reclusione, Alfano a cinque anni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
don seppiagenovapedofilia
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.