A- A+
Marketing
Tim e Ibm, accordo per lo sviluppo dell'intelligenza artificiale

Tim e Ibm hanno siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo congiunto di soluzioni innovative basate su sistemi di 'intelligenza artificiale'. La partnership ha l'obiettivo di realizzare nuovi servizi nell'ambito del caring e dell'assistenza tecnica di Tim abilitati dalla piattaforma di Ibm. L'iniziativa permetterà di dare impulso alla conoscenza e alla diffusione del cognitive computing, insieme di tecnologie che si "comportano" in modo probabilistico, utilizzano l'elaborazione del linguaggio naturale e "ragionano" su ipotesi e opzioni in risposta a domande complesse basandosi sull'apprendimento continuo. In sintesi, questi sistemi potenziano, accelerano e ampliano la scala della conoscenza e la disponibilità di servizi digitali in ogni ambito migliorando così i processi decisionali umani.

Il progetto verrà sviluppato all'interno dell'officina dell'innovazione "Tim Foundry", dove si identificano e sperimentano le soluzioni più innovative nel settore della digital life in collaborazione con partner selezionati. In particolare, Tim si occuperà della definizione, della sperimentazione, del testing e della valutazione dei servizi sulle piattaforme di Ibm che metterà a disposizione la propria esperienza nella progettazione e integrazione delle soluzioni cognitive computing. "L'accordo con Ibm - ha dichiarato Mario Di Mauro, Responsabile Strategy & Innovation di Tim - conferma il nostro impegno nella creazione di nuovi concept di servizio basati sulle tecnologie più avanzate e realizzati in collaborazione con partner leader di settore. Siamo convinti che per favorire la trasformazione digitale del Paese sia importante affiancare alla realizzazione delle infrastrutture di connettività anche lo sviluppo di iniziative dedicate alla ricerca e alla sperimentazione negli ambiti maggiormente sfidanti dell'innovazione tecnologica". "L'intesa con Tim - spiega Maurizio Brun, Vice President Enterprise Italia di Ibm - costituisce una dimostrazione della leadership di Ibm nel settore del cognitive computing e apre le porte allo sviluppo di ulteriori casi d'uso destinati a incrementare il valore del binomio uomo-macchina, con ricadute positive nella vita di tutti i giorni. Ibm è convinta che il progresso sociale ed economico del Paese e la sua trasformazione in senso digitale dipenderanno in modo significativo dall'adozione dei sistemi cognitivi ed è per questo che sta investendo con decisione anche in Italia, come dimostrano le cronache delle ultime settimane".

Tags:
tim ibm intelligenza artificiale
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

i più visti
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.