A- A+
MediaTech

Su Aaron Swartz, il giovane hacker 26enne morto suicida venerdì, si è scritto tutto e il contrario di tutto, comprese immani corbellerie accreditate da grandi giornali (anche italiani). Ma ciò che veramente va scritto dopo la sua morte è su Twitter, all'hashtag #pdftribute, dove studiosi e accademici di tutto il mondo stanno postando liberamente i loro lavori su internet.

Tra i tanti già tweetati, il libro Wikicrazia di Alberto Cottica e il testo di Luisa Capelli sull’editoria nell’epoca digitale, solo per citare i primi contributi italiani. Ma al di là della nazionalità, l'essenza di #pdftribute sta nell'apertura del sapere scientifico attraverso la rete. Esattamente ciò a cui Aaron Swartz ha dedicato la sua pur breve esistenza.

Tags:
aaron swartztwitter

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.