A- A+
MediaTech
I giovani cervelli tornano in Italia. "La nostra app per la movida"

Di Giovanna Guzzetti

Da cervelli emigrati all’estero a super manager della movida milanese. Così si potrebbe sintetizzare l’avventura professionale di due giovani italiani, uno laureato in Economia l’altro in ingegneria informatica, che, dopo un periodo di formazione e lavoro eccellenti all’estero, hanno deciso di tornare in Italia e cercare (e trovare) l’affermazione nel loro Paese d’origine. E tutto ciò a soli 27 anni, bruciando le tappe e abbassando tutte le medie degli universitari perditempo e fuori corso.

Questi fiori all’occhiello delle giovani eccellenze italiane sono Francesco Rieppi e Francesco De Liva che, lasciata Udine, sono venuti a Milano per l’Università (Bocconi e Politecnico), per poi tornarvici insieme da imprenditori e cofondatori di una start up, dopo essersi salutati alla laurea ed avere imboccato direzioni geografiche opposte: Rieppi a Chicago, De Liva a Mosca.

Oggi i due con la loro start up  Spotlime, costituita a fine dicembre 2013, danno già lavoro ad una decina di dipendenti, crescendo a due cifre ogni mese (con punte del 20%), grazie alla app scaricabile dal loro sito www.spotlime.it

Ma di che cosa si tratta? E come è venuta loro questa folgorazione tecnologica – commerciale (che sintetizza perfettamente il curriculum accademico dei 2 ragazzi)?

Spotli.me non è uno dei numerosi siti che fornisce informazioni su come muoversi nella movida milanese; non è – come affermano i loro fondatori – un semplice (e banale) aggregatore ma un selezionatore che offre solo un bouquet di opzioni basato sulle preferenze dell’utente stesso. Un nativo digitale a suo agio con tecnologia in mobilità e social e con tutto ciò che è very last minute, compresa l’organizzazione di una serata fuori casa decisa all’ultimo momento.

A questa esigenza, sperimentata in prima persona all’estero dai due Francesco senza avere risposte adeguate (compresa Berlino…) viene in soccorso la app realizzata in vitro (da remoto) prima ancora di essere implementata in modo ufficiale per iOs e Android e resa disponibile e “conosciuta” grazie ad un sensibile sforzo di marketing.

I due giovani imprenditori sottolineano però che la loro passione non sarebbe bastata a trasformare la brillante idea in una vera e propria azienda: la startupha ricevuto un finanziamento di 200 mila euro da Iban (Italian business angel network) e da  Guido Garrone, uno dei co-fondatori di Fastweb.

Tags:
cervellimovidamilanese

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti

Nuovo Ranger, creato da Ford ma ideato dai suoi stessi clienti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.