A- A+
MediaTech
paolo aino banzai 500


Paolo Ainio (nella foto), fondatore del gruppo Banzai, apre la cassa dei denari raccolti con l'aumento di capitale sottoscritto dal fondo Sator di Matteo Arpe e compra Terashop, a cui fanno capo MisterPrice, ePlaza e Bow, tre dei principali siti di e-commerce del mercato italiano e guidati dall'amministratore delegato Raul Stella.

L'obiettivo di Ainio è quello di creare un polo e-commerce tutto made in Italy che sorpassi nel nostro Paese Amazon e raggiunga i 200 milioni di fatturato. Un business su cui premere l'accelleratore visto che i tassi di crescita delle vendite sul web in Italia sono a due cifre e vicini al 20%, con un volume di scambi di 9,5 miliardi (inclusa l'Iva) di controvalore.

"Stiamo costruendo un sistema integrato media-commerce che aiuti aziende e consumatori a scambiarsi sempre più valore", ha spiegato Ainio in un'intervista al Corriere della Sera "e abbiamo individuato in Terashop una perfetta complementarità di prodotti con i nostri ePrice e SaldiPrivati". Banzai, oggi leader nella vendita online di articoli hi-tech, allargherà infatti il proprio raggio d’azione a elettrodomestici, casalinghi, giocattoli, articoli per la casa e il tempo libero.

MisterPrice, attivo online fin dal 1999 e complementare ad ePrice, si rivolge a chi cerca soprattutto semplicità e servizio nelle vendite, ePlaza si rivolge invece alle famiglie avvicinandosi al look&feel di SaldiPrivati e focalizzandosi principalmente su "casa & famiglia (elettrodomestici, casalinghi, outdoor, giocattoli, ecc) mentre Bow torna invece alle proprie origini e presenta i "Best Of Web" di audio-video, elettronica, informatica e telefonia. Oltre ai tre marchi sopra citati, Banzai ha acquisito anche Ovo, club di vendite private, che confluirà in SaldiPrivati,  il più grande club italiano di vendite a invito, cresciuto anche all'estero grazie alle joint venture nell'Est europeo.

 

amazon01g

Se in Italia sta per perdere la leadership grazie alla concorrenza verticale di Banzai, oltre Oceano, Amazon si consola con i ricavi pubblicitari. Stando a quanto scrive il Financial Times che cita dati di eMarketer, il braccio sull'advertising del gruppo guidato da Jeff Bezos prevede di generare 800 milioni di ricavi quest’anno, strappando inserzionisti ai rivali come Google e Facebook. L’idea è che coloro che fanno investimenti in campagne pubblicitarie desiderano usare il portale del commercio elettronico per lanciare messaggi promozionali basati non solo su ciò che le persone cercano online ma anche quello che comprano.

E’ vero infatti che Google, spiegano gli analisti, ha più utenti di Amazon ma non conosce tanti indirizzi e carte di credito quanti quelli a disposizione del sito retailer online. Amazon vende spazi pubblicitari sui suoi siti e sui tablet Kindle così come sui network di altri website. Il gruppo non svela i suoi introiti da pubblicità, ma secondo eMarketer la cifra raggiunta l’anno scorso è stata pari a 610 milioni di dollari e per quest’anno è previsto un rialzo sul 2012 del 37% a 835 milioni. Questi numeri sono ancora minuscoli rispetto a quelli per esempio di Google, i cui ricavi da pubblicità nel 2012 sono cresciuti su base annuale del 18% a 33 miliardi di dollari, o di Facebook (+36% oltre i 4 miliardi). Ma la fetta del mercato dell’advertising di Amazon cresce e minaccia le attività digitali di marketing di Yahoo, Microsoft e AOL.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
e-commercebanzaiamazon
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.