A- A+
MediaTech
Edison presenta al Digital Day "lezioni di Futuro"

Smart comunities e sharing economy sono i settori da cui gli italiani si aspettano un decisivo cambio di passo per rilanciare la crescita del Paese. E’ quanto emerge da Lezioni di Futuro, il charter sull’innovazione che Edison ha consegnato al Governo in occasione del Digital Day promosso dalla Presidenza del Consiglio alla Reggia di Venaria.
 
Lezioni di futuro è un progetto ambizioso, realizzato in collaborazione con Wired, che pone in dialogo il pensiero collettivo della rete con il punto di vista di tecnici ed esperti. Da dove partire per innovare? La risposta del rapporto indica che la soluzione è integrare con urgenza tecnologia ed economia reale, perché è solo attraverso la digitalizzazione – oltre al necessario snellimento della burocrazia e semplificazione del quadro normativo – che le piccole e medie imprese su cui si regge l’economia italiana vinceranno le sfide del futuro.

renzi
 

 
Smart Communities e sharing economy sono dunque i settori in cui gli italiani credono abbiano il maggior potenziale, raccogliendo un consenso rispettivamente dell’87,3% e del 76,8%. Le “comunità intelligenti” sono considerate il terreno fertile da cui scaturiscono nuove idee (per il 35% della rete) e contribuiscono a migliorare notevolmente la qualità della vita (21%). Mentre la sharing economy permetterà di avere (circa il 44% dei commenti positivi) servizi nuovi, competitivi e a basso costo.
 
il charter sull’innovazione che traccia la rotta verso l’Italia di domani.
 
Al terzo posto con il 76% delle preferenze, gli italiani immaginano lo sviluppo delle biotecnologie, che sono il cuore del progetto annunciato pochi giorni fa dal Governo per l’ex area di Expo 2015. In questo caso, la fiducia è legata al fatto che le biotecnologie contribuiranno a creare un mondo più sostenibile e a misura d’uomo (61%), e a produrre più cibo (27%).
 
“La sfida per il futuro dell’Italia passa dalla capacità di creare una connessione tra i grandi pilastri economici nazionali (turismo, agricoltura, industria) e gli ambiti più urgenti dell’innovazione: energie rinnovabili, comunità intelligenti, digitalizzazione – dichiara Marco Fortis vice presidente della Fondazione Edison -. Una reale estensione della digitalizzazione a tutto il Paese darebbe una spinta decisiva alle piccole e medie imprese, ma è arrivato anche il momento di snellire la burocrazia e semplificare il quadro normativo e giuridico-regolamentare.”
 
“Lezioni di futuro” aggrega i contribuiti di tecnici, esperti e di quanto viene scritto in rete da italiani e influencer del web (su Twitter, Facebook, Youtube e sui blog). Tra gli esperti, oltre a Marco Fortis, hanno preso parte: Bruce Sterling e Steven Berlin Johnson, entrambi giornalisti ed esperti di innovazione, Ernesto Belisario, esperto di digitale e open governement, e Claudio Serracane, direttore della Ricerca Sviluppo e Innovazione di Edison.
 
Nel dettaglio, sono state analizzate oltre 200 mila conversazioni online, indagando le soluzioni tecnologiche proposte dalla rete, il grado di fiducia che raccolgono e le relative motivazioni sui quattro ambiti più discussi: energia e infrastrutture, smart communities, cultura digitale, innovazione sociale; più altre quattro sottocategorie: sharing economy, biotecnologie, robotica e salute.
 
Nel segmento energia e infrastrutture la sfida che le aziende sono chiamate a vincere è sviluppare un nuovo modello di business che valorizzi il cliente come consumatore attivo (ossia, anche come produttore), e a mettere in campo nuove tecnologie di produzione e stoccaggio dell’energia per un sistema più stabile e flessibile.
 
La sfida individuata per le smart communities è adattare i servizi cloud e l’uso dei sensori alle peculiarità dei centri italiani (che perlopiù sono di medie-piccole dimensioni), oltre a sviluppare aggregatori in grado di filtrare in modo sempre più intelligente i dati a beneficio dei cittadini.
 
L’approccio alla cultura dovrà divenire gradualmente sempre più digitale, specie nell’Istruzione. L’intelligenza della rete e gli esperti in questo caso consigliano di passare dalle lezioni frontali alla peer education e, soprattutto, di inserire nell’insegnamento il coding (ossia, il linguaggio di programmazione) al pari dell’inglese; tenuto conto che gli italiani che possiedono abilità informatiche medie o alte sono intorno al 54%, mentre la media europea è del 59%.
 
Infine, l’innovazione sociale che non per forza è sinonimo di tecnologie digitali. Qui il nodo principale da affrontare è come la Pubblica Amministrazione possa accogliere la sfida della co-progettazione valorizzando le energie provenienti dalla comunità e garantendo maggiore trasparenza nei processi decisionali.
 
“Lezioni di futuro” viene presentato al pubblico di Digital Day nella sala stampa (III piano) il 22 novembre alle ore 11:00. Il Charter è scaricabile gratuitamente sul sito open.edison.it ed è il frutto del dibattito sull’innovazione stimolato da Edison Open 4Expo nei sei mesi dedicati all’Esposizione Universale.
 

 

Tags:
edison-digital-futuro-innovazione
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.