A- A+
MediaTech

 

mark zuckerberg

Facebook ha lanciato Graph Search, il motore di ricerca che opera non su tutta la rete ma esclusivamente all'interno del social network fondato da Mark Zuckerberg, incrociando tra loro i dati dei diversi milioni di utenti. Per le ricerche al di fuori da Facebook, invece, il nuovo servizio si appoggia ai risultati di Bing, grazie a una partnership con Microsoft, proprietaria di quello che è oggi il principale concorrente di Google.

E' questa la novità annunciata da Mark Zuckerberg nel corso dell'attesa presentazione negli uffici della società a Menlo Park, in California. Smentita quindi l'ipotesi che il social network fosse pronto a presentare un suo smartphone.

La nuova tecnologia di Facebook, secondo il fondatore e CEO, dovrebbe garantire una maggiore precisione nella ricerca di foto, persone e collegamenti fra gli iscritti, oltre a informazioni sui luoghi e gli interessi di ogni utente. Il tutto nel rispetto della privacy, dal momento che "si può cercare solo quello che è stato condiviso".

"Abbiamo considerato Facebook con una grande banca dati social e come in ogni banda dati dovrebbe essere possibile effettuare ricerche", ha spiegato Mark Zuckerberg. Con 'Graph Search' si potra' ad esempio digitare nella stringa di ricerca, "a chi piacciono Guerre Stellari e Harry Potter?", e scoprire coloro che condividono la comune passione all'interno dell'universo Facebook. La novita' e' che la ricerca si estende a tutto il social network e non solo agli "amici" con cui si sa gia' cosa si ha in comune.

Sulla carta il sistema ricorda in qualche modo l'esperimento di Ping, il social network esclusivamente musicale legato a iTunes, lanciato da Steve Jobs il primo settembre del 2010 a cui venne staccata la spina lo scorso 30 settembre, visto lo scarso numero di iscritti. L'enorme vantaggio della creatura di Zuckerberg e' che parte da un database di oltre un miliardo di iscritti. Difficile prevedere, pero', quanti se ne aggiungeranno o quale flusso di ricavi Graph Search potra' generare. L'accoglienza di Wall Street è stata decisamente fredda, visto che subito dopo la presentazione il titolo Facebook ha segnato un -2%.

Tags:
facebookgraph search

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.