A- A+
MediaTech
Ferragni vuole lasciare l'Italia. Il piano per spostare il business all'estero
Chiara Ferragni

Chiara Ferragni, le nuove attività in Asia e Medio Oriente. L'influencer cerca il rilancio lontana dall'Italia

La vita di Chiara Ferragni dopo lo scandalo dei pandoro Balocco è stata stravolta. L'influencer ha prima perso credibilità e migliaia di follower sui social, poi è stata abbandonata dagli sponsor e come se non bastasse ha rotto anche con Fedez. L'influencer ora sta cercando di rilanciare la sua immagine ma punta soprattutto all'estero per il suo nuovo business. Ferragni vuole incrementare le attività e i contratti all'estero, in particolare Asia e Medio Oriente, e lì conta di spostare il baricentro dei suoi affari.

Leggi anche: Chiara Ferragni, sfregio a Fedez: paparazzata con il "nemico" Tony Effe

Screenshot 2024 06 13 093852

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per questo - in base a quanto risulta a Il Messaggero - ha deciso anche di assumere due nuovi manager di fama internazionale. Su questa scelta, potrebbero aver influito gli attacchi del suo ex Fedez al suo general manager Fabio Maria Damato, il rapper lo ha indicato come il primo responsabile per lo scandalo pandoro. "Chiara - aveva dichiarato Fedez a Belve - ha scelto di prendersi tutte le responsabilità, lei poteva e doveva spiegare che le responsabilità non sono tutte sue. Anche dei manager? Di un manager, uno solo".

 

Screenshot 2024 06 13 093747
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fabio Maria Damato è indagato per truffa aggravata per i casi pandoro e uova di Pasqua e ha scelto come Chiara di bloccare i commenti su Instagram ai soli amici per evitare critiche ed insulti. Damato è stato descritto dalla stessa Chiara nella seconda stagione di The Ferragnez come "uno dei miei più cari amici, il mio braccio destro, sinistro, tutto. Mi aiuta in qualsiasi attività lavorativa. Ed è l'unico che mi aiuta a scegliere gli outfit". Ma ora Ferragni per rilanciarsi sembra aver deciso di rafforzare la sua squadra di manager.

Screenshot 2024 06 13 093653

 

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

<

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oltre al Balocco-gate, la Ferragni ha accusato il passo indietro di grandi marchi, come Safilo che ha revocato l’accordo commerciale per violazione dei principi etici. Inoltre Pigna, licenziataria per la cancelleria, ha annullato il contratto. Per rilanciarsi ora per l'influencer sarà necessario - riporta Il Messaggero - un ampio riassetto societario del suo gruppo e servirà un’alleanza strategica con altri marchi per riprendere la crescita che si è brutalmente interrotta dopo lo scandalo dei pandoro. Ma le varie trattative avviate per ora non hanno portato ad accordi, le valutazioni sul valore del marchio non coincidono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.