A- A+
MediaTech
Giornalisti, ddl su querele intimidatorie

Giornalisti, Crimi: presentato ddl su querele intimidatorie. Possibile risarcimento in caso si rivelino infondate22/10/2018 | 18:05Stampa questo articolo Email This Post

“Il senatore Primo Di Nicola ha già depositato un disegno di legge che per i giornalisti prevede la possibilità di un risarcimento al contrario nel caso di querela a scopo intimidatorio”. Se la querela si rivela “infondata, si potrà cioè essere condannati a pagare fino a metà di quanto richiesto al giornalista querelato”. A dirlo, il sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi, intervenendo oggi al convegno ‘Giornalisti aggrediti, colpevoli impuniti: l’allarme Onu’, organizzato da Ossigeno per l’Informazione Onlus al Senato.

“Il governo non può che condannare con fermezza ogni violazione dei diritti umani soprattutto contro chi è chiamato a una funzione sociale così strategica”, ha spiegato Crimi, come si legge su www.primaonline.it, ricordando gli 11 giornalisti uccisi in Italia e i tanti che vivono sotto scorta.

“Dal 1 gennaio 2017 ai primi mesi del 2018 sono 35 i casi di minacce e violenze monitorate dal Viminale contro giornalisti. La maggior parte sono intimidazioni, condotte violente, missive, danneggiamenti o telefonate anonime. Episodi generalmente riconducibili a criminalità organizzata o ambienti di degrado sociale, ma anche con matrice di natura politica. Nel 2016 e 2017 gli atti intimidatori ai danni dei giornalisti nell’esercizio della loro professione sono stati 128. Dal 1 gennaio al 16 febbraio 2018 sono emersi 18 episodi. Tutti questi casi meritano e avranno grande attenzione da parte del governo determinato ad adottare ogni misura di contrasto”.

Quanto alla “tutela della professione del giornalista in particolare sosterremo tre iniziative legislative: superare il precariato, che è anche una battaglia per una libertà di informazione; la tutela delle fonti; e la tutela dei giornalisti dalle querele per diffamazione a carattere intimidatorio”, ha aggiunto, puntando il dito anche contro gli “enormi conflitti di interessi di natura politica ed economico-finanziaria in capo a pochi influenti editori, che non aiutano, al contrario minano lo spazio di crescita di un’informazione autonoma e indipendente nel nostro paese”.

“Il governo è pronto a fare la sua parte per difendere libertà, pluralismo e indipendenza dei medi”, ha concluso Crimi. “La stampa deve essere libera e indipendente, indipendente soprattutto dalla politica”.

Commenti
    Tags:
    giornalisti crimi
    in evidenza
    Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

    Meteo

    Arriva l'aria polare dalla Svezia
    Fine maggio brividi. Previsioni

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news

    Lukaku torna all'Inter? No colpo di scena, c'è il Milan. Calciomercato news


    casa, immobiliare
    motori
    Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid

    Al via gli ordini della nuova Jeep Grand Cherokee 4Xe hybrid


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.