A- A+
MediaTech

L'accordo fra Google e gli editori francesi rappresenta indubbiamente un "precedente" di riferimento anche per gli altri mercati europei (Italia compresa) in cui il colosso del search ha da tempo aperto trattative simili le associazioni degli editori, da anni "insofferenti" all'indicizzazione dei loro contenuti digitali da parte del colosso del search.

Se oltralpe l'accordo è stato firmato dal presidente Hollande in persona, da noi ovviamente tutto si è fermato con la crisi di governo: se ne riparlerà dopo le elezioni, come ha spiegato il presidente della Fieg Giulio Anselmi.

Google Italia, contattata da Affaritaliani.it, per ora preferisce non prendere posizione sulla situazione nel nostro paese, limitandosi a commentare l'accordo raggiunto in Francia: "Internet offre agli editori una grande opportunità per raggiungere nuove fasce di pubblico. Non vediamo l'ora di aiutare gli editori francesi ad interagire al meglio con i loro lettori attraverso il fondo per l'innovazione digitale dell'editoria del valore di 60 milioni di euro".

Da parte nostra, non vediamo l'ora che anche da noi la querelle si chiuda una volta per tutte sul modello francese. Sul piano giuridico, osservano esperti legali, non si può che andare in quella direzione. Confidando naturalmente nel fatto che il prossimo inquilino di Palazzo Chigi non sia un televenditore ma un leader politico attento (anche) all'evoluzione del mercato dei media.

Tags:
googleeditori

i più visti

casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.