ICTLaw/ Diffamazione, la diffusione di internet impone di rivedere la normativa

Lunedì, 30 marzo 2009 - 11:41:00

di Luca Maria de Grazia

Prendo spunto da un convegno che si è tenuto la settimana scorsa a Roma, che aveva per titolo "Diffamazione e internet", per cercare di approfondire ed insieme commentare quello che si è potuto ascoltare durante il meeting.
A prescindere dai commenti di alcuni protagonisti, il convegno è stato effettivamente interessante perché in qualche modo sono stati presi in considerazione, seppur dai punti di vista dei singoli relatori, un po’ tutti gli aspetti della questione.

Però, quale può essere la sintesi che si ricava dall’intera giornata? Ritengo che i fondamentali punti di interesse e di spunto (oltre ovviamente al chiarimento di alcuni aspetti della utilizzazione dei c.d. “nuovi media” che non sono esattamente alla portata di tutti) siano stati i seguenti (sicuramente non omogenei tra loro).
Prima di tutto, da una analisi condotta sulle condanne per diffamazione degli ultimi quattro anni (2004-2008 se ben ricordo) del Tribunale di Roma, è emersa una amara verità, ovvero che esistono delle categorie di persone che sono “risarcite” più di altre. Ovviamente la cosa è anche legata alla funzione pubblicistica o para pubblicistica di tali categorie, ma è emerso che l’ordine di grandezza è almeno di uno a dieci se non uno a cento.

Personalmente ritengo che non siano stati molto appronfonditi due punti fondamentali, ovvero:
1) la specificità del mezzo "internet" rispetto alla carta stampata ed alle tv/radio, con particolare riferimento alla possibilità di avere a disposizione non solamente lo "stampato", ma anche la voce ovvero il video  del  soggetto, con tutte le conseguenze del caso in ordine a "cosa si può fare" con questi oggetti (file per intendersi). Prima tecnicamente e poi giuridicamente non è la medesima cosa procurarsi una vecchia copia stampata di un giornale e darne una determinata “diffusione” e diffondere “urbi e orbi” la vera voce del soggetto (magari si tratta di intercettazioni) oppure ancora il video dell’interrogatorio. Alterare questi documenti è più semplice di quanto si possa pensare, purtroppo.
2) la  sovrapposizione della  normativa  ex  D.Lgs.  n.196/2003 alla materia  in  generale; sappiamo  tutti che si tratta di una normativa farraginosa, forse eccessiva rispetto al vero scopo che vorrebbe perseguire, ma sinceramente trovo quasi "sconcertante" sentire affermazioni del tipo "...a noi non si applica questa normativa..." e, soprattutto, ritengo che, al di là delle buone intenzioni, si debba seriamente  pensare al fatto che tale normativa, volenti o nolenti, esiste, e che deve essere rispettata. Per cui, sia i giuristi/avvocati [anche se spesso le posizioni non sono totalmente coincidenti] dovrebbero porsi il problema della eventuale disapplicazione, della denuncia di incostituzionalità, del grado di valenza di tale normativa rispetto ad altre, ecc. ecc., se esercenti altre professioni magari sollevare il medesimo problema, ma non effettuare.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA