A- A+
MediaTech
L'Eredità, al quiz "Gerusalemme capitale d’Israele". Giudice ordina rettifica

 

Un curioso ma emblematico caso coinvolge la trasmissione televisiva L'eredità e Gerusalemme. Come scrive Repubblica,  il conduttore del programma Flavio Insinna dovrà pronunciare questa dichiarazione la prossima volta che tornerà in onda: "Il diritto internazionale non riconosce Gerusalemme quale capitale dello Stato di Israele". Si tratta di una rettifica ordinata dal Tribunale di Roma che ha dato ragione a due associazioni filo-palestinesi che si erano rivolte al giudice contro la Rai. In una puntata dello scorso 21 maggio alla domanda su quale fosse la capitale di Israele, una concorrente ha risposto "Tel Aviv" ma dagli autori del gioco viene considerata sbagliata dando per buona la risposta "Gerusalemme". Secondo quanto ha scritto il giudice romano è stata diffusa "una informazione errata".

Il 5 giugno, dopo le polemiche che sono seguite, Insinna aveva precisito in diretta. "Ci si può ritrovare involontariamente al centro di una controversia che chiama in causa vicende sulle quali non spetta certo a un gioco come il nostro intervenire". E ancora: "Sulla questione però esistono posizioni diverse. Alla luce di ciò riteniamo di non dover entrare, noi che non abbiamo titolo, in una disputa così delicata, e ci scusiamo per averla involontariamente evocata".

La precisazione però, non ha convinto gli avvocati Fausto Gianelli e Dario Rossi, in rappresentanza dell'"Associazione Palestinesi in Italia" e dell'"Associazione benefica di solidarietà con il popolo Palestinese", che hanno contestato il fatto che non ci sia nessuna controversia e che non ci possono essere margini di incertezza sul fatto che, fuori da Israele, gran parte della comunità internazionale non consideri Gerusalemme capitale.

Il giudice del tribunale di Roma Cecilia Pratesi, della sezione diritti della persona e immigrazione, emettendo il giudizio ha precisato che non è "una presa di posizione politica in merito al diritto degli stati di Israele e Palestina di eleggere Gerusalemme a propria capitale". Il problema, ragiona, è appurare la correttezza dell'informazione diffusa dalla Rai.

"E' lo Stato Italiano a non riconoscere Gerusalemme quale capitale", come dimostra il fatto che la sua ambasciata è a Tel Aviv. "E' fatto notorio che il 21 dicembre 2017 l'Italia abbia votato a favore della risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite che rifiutava la decisione degli Usa di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele, così come è noto che le stesse Nazioni Unite si siano ripetutamente espresse sulla questione condannando l'occupazione israeliana dei territori palestinesi e di Gerusalemme est, e negando qualsiasi validità giuridica alle decisioni di Israele di trasformarla nella sua capitale". E, continua, le risoluzioni Onu "costituiscono diritto convenzionale direttamente applicabile nel nostro ordinamento", come stabilito dalla nostra Costituzione.

 

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    l'ereditàl'eredità insinnal'eredità giocol'eredità gerusalemme
    Loading...
    in evidenza
    Canalis, la lingerie è da infarto Eli sensualissima sul letto. Le foto

    Diletta, Belen e... Le foto delle vip

    Canalis, la lingerie è da infarto
    Eli sensualissima sul letto. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...

    Grande Fratello Vip 5: GREGORACI-PRETELLI, DIRTY DANCING. E GARKO...


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW Group: verso un futuro elettrificato

    BMW Group: verso un futuro elettrificato


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.