A- A+
MediaTech
La svolta sta tutta nel "Coraggio di innovare"
Mauro Parolini

Al via la prima edizione di “Il coraggio di innovare – Digital Award”, iniziativa indetta da Regione Lombardia in partnership con Unioncamere Lombardia e Meet The Media Guru che ha lo scopo di premiare le aziende lombarde che hanno utilizzato il digitale per rinnovarsi nei settori di moda, design, turismo, commercio, logistica merci, fiere e creatività. Il progetto nasce dalla volontà della Regione Lombardia di dare spazio e visibilità alle imprese che hanno saputo guardare al futuro, con temerarietà e determinazione, puntando su quella che è in fondo la più grande risorsa del nuovo millennio: il digitale, appunto, raccontato in questo premio attraverso una duplice prospettiva. L’iniziativa si rivolge infatti tanto alle imprese che hanno creato tecnologie digitali volte a svecchiare e a semplificare gli impianti tradizionali, quanto a quelle che le tecnologie digitali le hanno coraggiosamente adottate come strategia anti-crisi, ovvero per incrementare la produttività ed essere competitive sul mercato. “La consapevolezza del grande potenziale offerto alle imprese dalle nuove tecnologie è ancora limitata”– sottolinea Mauro Parolini, Assessore al Commercio, Turismo e Terziario di Regione Lombardia – “Per tale motivo, abbiamo promosso quest’iniziativa, che intende comunicare i percorsi intrapresi dalle aziende che hanno avuto il coraggio di investire sul digitale. Il progetto è il kickoff di un piano d'interventi più ampio, studiato per lo sviluppo del terziario digitale in Lombardia con un impegno di 45 milioni di euro nei prossimi 3 anni e che ha come perno centrale i giovani". Sono dunque queste aziende che potranno raccogliere la sfida di raccontare la propria storia all’insegna del cambiamento e della modernità partecipando al premio che si aprirà ufficialmente il 15 luglio e darà la possibilità di inviare la propria candidatura fino al 2 ottobre 2015.

“La creatività che contraddistingue le nostre imprese – afferma Gian Domenico Auricchio, Presidente di Unioncamere Lombardia – può sbocciare e svilupparsi sfruttando le tecnologie digitali per incrementare innovazione e visibilità. Vogliamo quindi valorizzare le imprese che utilizzano a pieno le potenzialità di questi strumenti in modo che diventino punto di riferimento e ispirazione per le altre.” Il Premio vuol essere soprattutto un appuntamento di confronto e riflessione sul tema dell’innovazione digitale, attraverso la scelta di un format inedito dove centrale sarà sì la svolta tecnologica ma letta e osservata dagli occhi di chi l’ha ideata o scelta. “L’idea di base è di dare spazio alle persone” – conferma Maria Grazia Mattei, fondatrice di Meet The Media Guru, tempio della cultura digitale – “vogliamo ascoltare il racconto di come si arriva a intraprendere strade alternative fatte di innovazione e sperimentazione; capire cosa porta a quello scatto determinante che conduce a rinnovare il proprio lavoro scegliendo la nuova frontiera del digitale.” Al termine della raccolta delle candidature, la Commissione decreterà i migliori 14 progetti – di cui uno per ogni settore (moda, design, turismo, commercio, logistica merci, fiere, imprese creative) nelle due categorie previste: imprese del terziario innovativo e digitali - e assegnerà dei punteggi parziali. E poi? Trattandosi di un tributo all’universo 2.0, non poteva che essere il popolo del web a fare il resto: tramite il sito www.ilcoraggiodinnovare.it, saranno infatti gli internauti ad avere la possibilità di conoscere i progetti finalisti, narrati attraverso video e immagini, e di scegliere il preferito, permettendo così a quello più votato di ottenere un bonus punti da aggiungere al giudizio finale. I vincitori? Coloro che meglio sapranno raccontare il coraggio del cambiamento nell’era del digitale. L’iniziativa si concluderà mercoledì 2 dicembre 2015 presso l’Auditorium Giovanni Testori con un evento di premiazione che coinvolgerà i protagonisti dei 14 migliori progetti, tra cui saranno individuati i 2 vincitori.

Intervista Assessore Parolini su Digital Award

Come è nata l’idea di un premio rivolto alle aziende che hanno sfruttato le nuove tecnologie per rinnovarsi?

Per dare visibilità e riconoscere il valore di chi ha saputo trovare nel digitale un’opportunità concreta di sviluppo della propria impresa e di ottimizzazione del servizio offerto. Il nostro obiettivo è anche quello di sostenere la diffusione della conoscenza dell’economia digitale, molte delle cui potenzialità risultano ancora inesplorate.

Quale pensa sia il valore aggiunto di una soluzione digitale per un’azienda?

L’innovazione e le nuove tecnologie rappresentano strumenti chiave che contribuiscono ad accrescere la competitività delle imprese e ad interpretare al meglio le rapide trasformazioni del mercato. Inoltre, sono convinto che i comparti del commercio, del turismo e dei servizi, che rappresentano quasi il 65 per cento del PIL regionale, se adeguatamente sostenuti e indirizzati verso l’utilizzo di soluzioni digitali, possono svolgere con maggiore efficacia il loro ruolo di traino nel tessuto economico regionale e nazionale.

Cosa vi aspettate emerga dalle storie di innovazione raccontate dalle aziende che parteciperanno al premio?

Ogni volta che ci confrontiamo sul campo emergono risposte sempre sorprendenti ed inaspettate, storie di laboriosità e passione, che già contraddistinguono la capacità di fare impresa dei lombardi, con quel valore aggiunto rappresentato dall’originalità e dalla lungimiranza di chi investe e crede nelle prerogative del digitale.

Sappiamo che il premio si inserisce in un piano più ampio finalizzato allo sviluppo del terziario digitale: ci sono altre iniziative in programma?

Esattamente, questo progetto è il kickoff di un piano d'interventi più ampio, studiato per lo sviluppo del terziario digitale in Lombardia con un impegno di 45 milioni di euro nei prossimi tre anni e che ha come perno centrale i giovani.

Infine, che consiglio si sente di dare alle aziende che intendono partecipare al Digital Award?

Questo contest nasce per premiare "il coraggio di innovare". E nel titolo del Digital Award c’è il mio consiglio, cioè quello di ritrovare questa virtù e di credere in essa in un momento così importante, in cui si vedono i primi segnali positivi di crescita e con essi le opportunità che offre il mercato globale.

Tags:
coraggio di innovare
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.