Mumble Mumble/ "The Spirit", il fumetto cult di Will Eisner diventa film: tutti i segreti

Lunedì, 15 dicembre 2008 - 13:00:00

di Francesca Sassoli

Rimase folgorato a 13 anni scoprendo Will Eisner, diventato un maestro lui stesso, si è messo dietro la macchina da presa per dare carne e sangue ai personaggi dei fumetti. Ha spiazzato tutti con una versione filologica, fedelissima fino all’ossessione del suo "Sin City", poi si è consacrato regista di culto con “300”, ora ci porta un regalo di Natale che non scorderemo tanto facilmente: il 25 dicembre esce sugli schermi italiani “The Spirit” di Will Eisner, diretto da Miller, interpretato da Gabriel Macht, nelle vesti del detective mascherato, Samuel L. Jackson è il perfido Octopus, nemico numero uno di The Spirit, e un bouquet di belle donne: la sexy Scarlett Johansson, la calda Eva Mendes, nelle vesti di Sand Saref (è la sua storia quella riportata nel film e che “fulminò” Miller sulla strada di casa, sotto al lampione dove si fermò di leggere il suo primo albo), Paz Vega e Sarah Paulson.
"Mumble Mumble" è andato alla ricerca di uno dei massimi esperti di Will Eisner in Italia: Alberto Becattini.

Innanzitutto vorrei chiederle di farci un identikit di questo detective mascherato e come venne accolto alla sua apparizione nel 1940.
"'The Spirit' nasce il 2 giugno 1940 in un supplemento a fumetti inserito in vari quotidiani Usa della domenica. Si tratta del detective privato Denny Colt, che apparentemente muore nella sua prima storia, "ucciso" dal folle scienziato Dr. Cobra. Dichiarato morto e portato nel cimitero di Wildwood (che poi diventerà il suo rifugio segreto), in realtà Colt è in stato di animazione sospesa grazie a un misterioso liquido uscito da un contenitore nel laboratorio di Cobra. Quando torna in sé, decide dunque di indossare una maschera e assumere l'identità di The Spirit, aitante crimefighter di Central City. Gli unici a conoscere il suo segreto sono il commissario Dolan, capo della polizia di Central City, e il giovane afro-americano Ebony White, che per molti anni farà da 'spalla' a The Spirit. L'innamorata ufficiale del giustiziere è Ellen Dolan, figlia del commissario, ma The Spirit è concupito da numerose ragazze, tanto belle quanto pericolose. The Spirit ottiene durante la sua carriera cartacea, durata fino all'ottobre 1952, un discreto successo, e resiste anche quando (1943-45 e 1951-52) non è Will Eisner ad occuparsene, ma vari altri artisti del suo studio (il migliore dei quali è senz'altro Lou Fine). In realtà le storie migliori sono quelle del 1940-42, classici intrecci 'gialli/noir', e quelle dal 1946 al 1950, spesso sospese tra latente tragedia e pungente ironia".


"The Spirit" fumetto
GUARDA LA GALLERY
In questi ultimi anni si è assistito ad una sempre più forte attenzione da parte del grande pubblico verso Eisner e le sue creature, tanto che The Spirit è ora un film. Quali sono i punti di forza dei suoi personaggi?
"La recente attenzione verso Eisner in realtà non è stata tanto per The Spirit, quanto per le sue formidabili graphic novels, nelle quali ha spesso 'romanzato' episodi da lui stesso vissuti e personaggi da lui stesso conosciuti. La recente riscoperta di The Spirit da parte di un pubblico abbastanza ampio (anche grazie agli "Spirit Archives" della DC Comics) è avvenuta, per così dire, di "rimbalzo". I lettori più giovani si sono poi accostati al personaggio anche grazie alla versione attualizzata che l'ottimo Darwyn Cooke ne ha dato nel comic book pubblicato dalla DC, che prosegue tuttora ma con minore appeal, poiché nel frattempo Cooke lo ha lasciato. Comunque sia, i personaggi di Eisner riescono sempre ad essere accattivanti, e debbo dire che più di The Spirit o dello stesso Dolan il vero punto di forza della serie sono le formidabili 'donne fatali' ritratte da Eisner e i nemici spesso bizzarri che The Spirit ha spesso incontrato sul suo cammino (Sand Saref, Silk Satin, Plaster of Paris e tante altre). Tra questi c'è il misterioso Octopus, che nei fumetti non si vede mai in volto e che - a detta dello stesso Eisner - è un po' il corrispettivo del dott. Moriarty, arci-nemico di Sherlock Holmes. Come spesso accade nei "gialli" o nei 'noir', il cattivo di turno è talvolta più interessante dell'eroe stesso, ed è lui, più che altro, a "muovere" la storia".

Will Eisner è considerato uno dei più grandi fumettisti di tutti i tempi, quali sono le sue grandezze e quali innovazioni ha apportato al mondo delle nuvolette?
"Eisner è stato tra i primi a trasferire nel fumetto una tecnica narrativa e una scansione grafica affine a quella del cinema. Non per niente definiva il fumetto come 'sequential art'. In particolare, Eisner si rifà al cinema noir degli anni Trenta e Quaranta e ancor prima all'Espressionismo tedesco di Fritz Lang e altri, ben trasposto negli USA fuori dal cinema di genere (quale è il noir) soprattutto da Orson Welles (penso a Quarto potere, o alla Signora di Shanghai). Questo, soprattutto, nelle atmosfere (numerose scene hanno luogo nottetempo, e dunque Eisner usa moltissime campiture nere e chiaroscuri) e in parte nelle trame. Se The Spirit ha un limite - almeno per me - è infatti il suo continuo star sospeso tra il serio e il faceto, crogiolandosi un po' troppo in quello che gli americani chiamano "tongue in cheek". Alcune storie sono fin troppo ironiche, quasi grottesche, mentre le migliori sono senza dubbio quelle dove sia The Spirit, sia i suoi avversari, si prendono maggiormente sul serio. Ma del resto si tratta di un fumetto destinato a un pubblico 'generalista', per cui Eisner è probabilmente stato costretto ad adottare questo tipo di approccio misto".

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA