A- A+
MediaTech

Alla vigilia di San Valentino, la nota socetà di sicurezza informatica MCAfee mette in guardia sui rischi "digitali" che si corrono quando l'amore finisce. Rischi che derivano dalla condivisione di informazioni personali e foto intime con il partner e amici, il che ci espone inconsapevolmente al rischio della "vendetta dell'ex". Lo studio “Love, Relationships and Technology” pubblicato da McAfee rivela come il 94% degli intervistati sia davvero convinto che i propri dati e le foto non corrano rischi nelle mani dei propri compagni di vita. Tuttavia il 13% degli adulti ha subito violazioni di dati senza permesso da coloro con cui condividevano le proprie credenziali. Inoltre, un ex partner su 10 ha minacciato di diffondere online le foto osé del proprio ex. Minacce che, stando alla ricerca, sono state eseguite in quasi il 58% dei casi.

Del resto, in Italia quasi il 75% dei possessori di smartphone conserva sul proprio dispositivo informazioni personali e intime, quali dati bancari, password, dati di carte di credito e foto, anche compromettenti, mentre solo il 40% protegge i propri dispositivi con password o pin.

"Bisogna che tutti siano più informati sui rischi e sulle conseguenze della condivisione di così tante informazioni private con i partner", dice Ombretta Comi, marketing manager per l’Italia di McAfee; "Condividere le password con il partner potrebbe sembrare una cosa naturale e innocua, ma spesso può tradursi in violazione della privacy, le informazioni personali più preziose potrebbero cadere nelle mani sbagliate e approdare su una piattaforma pubblica. Ognuno di noi deve essere più consapevole dei rischi e adottare le misure più adeguate per proteggere i dati personali".

Le principali motivazioni che hanno portato alle minacce da parte degli ex sono bugie (44%), tradimenti (42%), rottura del legame (28%), annullamento del matrimonio (12%), foto con un altro/altra (12%). E poco importa se circa un terzo degli intervistati ha deplorato l'invio di tali contenuti intimi dopo una rottura e il 32% ha anche chiesto al proprio ex-partner di eliminare qualsiasi contenuto personale. Nonostante i rischi, a San Valentino, il 27% degli intervistati ha ancora intenzione di inviare foto sexy o romantiche al proprio partner via e-mail, MMS o social media. Sorprendentemente, sono gli uomini i più inclini a farlo, rispetto alle donne (43% contro 29%), anche se gli uomini sono stati i più colpiti dalla minaccia della pubblicazione di foto compromettenti online rispetto alle donne (11,7% contro 7,6%).

Non solo vendette, comunque: avendo a portata di mano le password del proprio partner, gli italiani non possono fare a meno di spiare e controllarne le email, i conti bancari e le pagine dei social media. Oltre il 52% delle persone intervistate ha ammesso di controllare i profili di social media e i conti bancari dei propri compagni e quasi il la metà (46,8%) controlla anche i messaggi di posta elettronica. Molti (44,3%) controllano il loro ex-partner su Facebook più di quanto non tengano d’occhio il loro partner attuale (47,5%).

Gli uomini spiano la loro partner più delle donne: il 46% degli uomini ha ammesso di “controllare” la loro partner, l’ex-partner e l’ex dell’attuale compagna su Facebook o Twitter, rispetto al 36,8% delle donne. Inoltre, il 56,5% degli uomini ha ammesso di controllare la posta elettronica, i social media e i conti bancari della propria partner, rispetto al 51,5% delle donne.

La cautela non deve limitarsi alle di foto. Il 13% degli adulti ha subito una fuga di dati personali. Gli italiani amano condividere in amore e lo fanno in ogni momento, aumentando la probabilità di perdita di dati e furti di identità. I dati più condivisi dai partner includono numeri di conto corrente bancario (46%), codici fiscali (32%), numeri della tessera sanitaria (52%), account email (32%), e password (38%).

Quando avviene una fuga di dati personali, sono gli uomini i più propensi a combattere per recuperare ciò che è stato sottratto: circa il 15% di chi ha subito una “perdita di dati” si è rivolta a un avvocato e ha intrapreso azioni legali per recuperare le proprie informazioni e rimuovere dal web foto imbarazzanti o personali.

McAfee nota poi che il 40% degli italiani intervistati non protegge il telefono con pin o password, lasciando a chiunque abbia in mano il dispositivo libero accesso a tutti i propri contenuti privati. Inoltre quasi 3 persone su 10 non eseguono il backup e non salvano il contenuto del proprio smartphone e circa un quarto degli intervistati on elimina mai o raramente i messaggi email o sms personali o intimi, incluse le foto.

"Certamente è importante condividere con fiducia contenuti personali con i propri cari, ma è altrettanto importante avere bene in mente cosa può accadere se le cose dovessero andare storte", conclude Comi; "Le password e i pin sono personali e dobbiamo sforzarci di pensare due volte prima di inviare dati personali tramite i social media. L’invio di un messaggio un po’ audace per San Valentino può essere un gioco divertente, ma alcune semplici precauzioni possono aiutarci a non dovercene pentire più tardi”.

Tags:
smartphonedatimcafee

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.