A- A+
Medicina
Coronavirus: il Programma di Sostegno Mondiale di Boehringer Ingelheim

Coronavirus: Boehringer Ingelheim intensifica il proprio impegno con il Programma di Sostegno Mondiale

Boehringer Ingelheim ha incrementato in modo consistente il proprio intervento per fronteggiare la Covid-19, con l’acuirsi dell’impatto della pandemia a livello mondiale. Il Gruppo ha istituito un Programma di Sostegno Mondiale per fornire maggior aiuto economico, dispositivi di protezione e donazione di farmaci a Istituzioni sanitarie e comunità che ne hanno bisogno a livello globale.

“Come azienda farmaceutica sentiamo una grande responsabilità nell’essere di aiuto e sostegno ai pazienti e a coloro che se ne prendono cura - ha dichiarato Hubertus von Baumbach, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Boehringer Ingelheim - Molti dei nostri collaboratori desiderano prendere parte a questo programma: noi diamo supporto attraverso donazioni e permessi retribuiti a chi partecipa ad attività di volontariato, con l’adesione a importanti progetti scientifici e con l’aiuto alle comunità in aree in via di sviluppo, in Kenya e in India, con le quali intratteniamo rapporti decennali. Tutto questo, oltre all’impegno che vedo nei colleghi che garantiscono la continuità della produzione dei farmaci, è dedicato alle moltissime persone che soffrono a causa della Covid-19. A loro e ai loro cari va la nostra vicinanza”.

Boehringer Ingelheim ha iniziato a gennaio con un programma di donazioni del valore di 1 milione di euro per le aree colpite dal virus in Cina. Con il diffondersi dell’epidemia, che è oggi divenuta una pandemia mondiale, nelle ultime settimane ha accresciuto notevolmente il proprio sostegno e supporto scientifico, fino ad arrivare al Programma di Sostegno Mondiale, focalizzato sulle quattro seguenti aree:

Donazioni

Boehringer Ingelheim ha messo a disposizione 5,8 milioni di euro per aiuti d’emergenza nei Paesi in cui opera, economici e “in natura”, compresi, a titolo esemplificativo, mascherine protettive, disinfettanti, inalatori e farmaci, collaborando tra l’altro con le organizzazioni locali che utilizzano gli aiuti ricevuti, sia economici, sia in termini di farmaci donati, per fornire assistenza ai pazienti negli specifici territori locali.

Per quanto riguarda l’Italia Boehringer Ingelheim sta collaborando con AIFA per effettuare una donazione di propri farmaci indicati per patologie croniche afferenti all’area respiratoria, cardiovascolare e metabolica, e per le emergenze, per un controvalore di 1 milione di euro.

L’Azienda è consapevole dell’attenzione che va dedicata, in questo contesto, ai pazienti con malattie croniche. Per questo motivo intende, con il proprio contributo, aiutare a garantire risorse e accesso alle cure più adeguate al maggior numero possibile di pazienti, attualmente ospedalizzati.

Ricerca di Terapie per la COVID-19

A partire da gennaio, un team composto da un numero di membri sempre in aumento, che oggi conta oltre 100 ricercatori Boehringer Ingelheim di tutte le aree di R&S, è fortemente impegnato in progetti per individuare possibili soluzioni terapeutiche per la COVID-19. “Tutti stiamo pensando a nuove vie per affrontare questo virus, e ciò ha portato a un ampio programma all’interno del quale stiamo valutando molti approcci in parallelo.” ha dichiarato il Dottor Cyrille Kuhn, Executive Director Research, alla guida delle iniziative di Boehringer Ingelheim contro la COVID-19.

“L’opera del team è ulteriormente rafforzata dal contributo crescente di partner con i quali collaboriamo e da fornitori di servizi. La maggior parte dei progetti fanno parte di collaborazioni più ampie con il mondo accademico, biotecnologico e con altre aziende farmaceutiche. Tra queste c’è una richiesta da parte del Innovative Medicines Initiative europeo (IMI) al quale Boehringer Ingelheim prevede di contribuire con un impegno di oltre 11.000 ore di lavoro di R&S”.

Boehringer Ingelheim partecipa, inoltre, all’Acceleratore di Terapie per la COVID-19 della Fondazione Bill & Melinda Gates. Con l’evolversi dell’iniziativa, l’azienda impegnerà ulteriori esperti in diverse discipline e maggiori competenze di laboratorio.

Boehringer Ingelheim sostiene, inoltre, ricercatori di tutto il mondo tramite il suo portale dedicato all’innovazione opnMe.com che mette a disposizione, a titolo gratuito, su una gamma di 43 composti di alta qualità farmacologica, 6 composti anti-virali che possono essere utilizzati per testare nuove ipotesi di ricerca.

Con l’evolversi di questo lavoro l’azienda impegnerà un numero sempre maggiore di esperti provenienti da diverse discipline così come il maggiore utilizzo dei propri laboratori di ricerca.    

Volontariato

In molti territori, c’è urgenza di volontari, ad esempio con competenze mediche o infermieristiche. Boehringer Ingelheim offre a tutti i suoi 51.000 collaboratori la possibilità di prendere 10 giorni di permesso retribuito per collaborare con organizzazioni esterne riconosciute, come volontari e portare aiuto per la COVID-19. Ai collaboratori che non possono lavorare, né da casa né sul posto di lavoro, viene offerta l’opportunità di aderire a tali iniziative di volontariato per periodi maggiori, sempre con permesso retribuito, fino alla ripresa dell’attività lavorativa.

Fondo di sostegno Making More Health

È stato, inoltre, attivato un fondo da 580.000 euro a sostegno della rete mondiale Making More Health (MMH) di imprenditori sociali, in Kenya e in India, e delle comunità nelle quali risiedono e operano. Il fondo aiuterà le imprese sociali e le loro attività a resistere nel protratto periodo di ridotta attività economica e investirà in idee di imprenditoria sociale, che aiutino a ridurre il rischio di diffusione del coronavirus.

“Soprattutto in tempi come questi, gli Imprenditori Sociali nel mondo hanno il vantaggio di essere vicini a coloro che hanno necessità - ha dichiarato Jean Scheftsik de Szolnok, Membro del Consiglio di Amministrazione e tra i fondatori del movimento MMH - Le comunità MMH, come i gruppi di auto-aiuto in India, o le persone che soffrono di albinismo in Kenya, hanno cominciato a produrre sapone e avviato contemporaneamente programmi educativi di igiene per le altre persone nei loro territori”. Negli ultimi anni è stata insegnata igiene e la produzione di sapone in Kenya e India a oltre 750 studenti della scuola MMH, e a circa 1.000 famiglie delle cooperative agricole.

Boehringer Ingelheim è impegnata nei confronti della comunità mondiale per il benessere delle persone e degli animali. Boehringer Ingelheim, azienda guidata dalla ricerca, ha avviato a gennaio le proprie attività di sostegno, e continuerà a fare tutto il possibile per dare un contributo significativo nella lotta contro la COVID-19. L’Azienda continua a sostenere i sistemi sanitari, assicurando la regolare fornitura di farmaci, anche attraverso le proprie attività di Ricerca.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirus; programma di sostegno mondiale; boehringer ingelheim
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Toyota presenta la nuova Corolla Cross

    Toyota presenta la nuova Corolla Cross


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.