A- A+
Medicina
Curare la sclerosi multipla: le cellule progenitrici che riparano la mielina

Cura della sclerosi multipla: la ricostruzione della guaina mielinica. Il ruolo delle cellule riparatrici 

 

Individuate cellule progenitrici del cervello adulto, chiamate precursori oligodendrocitari che, quando vengono attivate da un danno neurodegenerativo, possono contribuire a riparare le lesioni del tessuto cerebrale. Le cellule progenitrici, in pratica, funzionano alla stregua di olingodendrociti maturi per riformare la mielina cerebrale e permettere lo scambio di impulsi nervosi tra le cellule. 

 

Sclerosi multipla cura: ecco come la guaina mielinica danneggiata si riforma. La ricerca

 

Il ruolo del recettore GPR17, nella ricostruzione della guaina mielinica in malattie neurodegenerative come ad esempio la sclerosi multipla, era già stato scoperto precedentemente. Uno studio condotto da Maria Pia Abbracchio dell'Università Statale di Milano mette in chiaro, per la prima volta, che i progenitori esprimenti GPR17 possono generare in vivo cellule mature per la mielina e questa loro capacità dipende proprio dall'ambiente circostante.  Quando il tessuto cerebrale ha molecole infiammatorie in grande quantità, il processo di maturazione di queste cellule viene inibito.

 

Nuove cure sclerosi multipla: combattere la malattia demielinizzante della sclerosi multipla. I risultati della ricerca

 

La demielinizzazione  è stata sviluppata nel laboratorio della professoressa Abbracchio su una linea di roditori dove i progenitori esprimenti GPR17 hanno permesso così di seguirne quell'evoluzione all'interno del sistema nervoso centrale. Gli esperti  hanno utilizzato due modelli diversi in vivo di sclerosi multipla nel roditore: il modello dell'encefalomielite autoimmune sperimentale è caratterizzato da potente demielinizzazione associata a forte infiammazione sia a carico del cervello che del midollo spinale, e il modello del cuprizone, dove la demielinizzazione viene indotta localmente all'interno del cervello con un agente tossico che produce un basso grado di infiammazione. 
In questo modo, i ricercatori hanno visto che solo nel modello caratterizzato da minore o assente infiammazione i progenitori riuscivano a maturare in cellule mielinizzanti in grado di riparare le lesione. 

Tags:
sclerosi multipla curacellule progenitrici mielinariparare mielina
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.