A- A+
Medicina
I giudici: "Curatela con Stamina". No dai medici, bimba muore

E' morta all'alba la bambina di Modica (Ragusa) di due anni e mezzo Rita L. affetta dal morbo di Niemann Pick per il quale era stata in cura a Brescia con il metodo Stamina.

Il Tribunale di Ragusa solo una settimana fa aveva ordinato agli Spedali Riuniti di Brescia di effettuare "una infusione d'urgenza entro cinque giorni" di cellule staminali, ma nessun medico si era detto disponibile a eseguire il trattamento. Rita e' la prima dei 34 pazienti in cura col metodo del professor Davide Vannoni a morire.

Nuovo appello Regione Lombardia a governo - "D'intesa con il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, in queste ore stiamo per inviare una nuova lettera al presidente del Consiglio, affinche' anche questo esecutivo possa sostenere il lavoro che Regione Lombardia sta affrontando nell'assicurare quella necessaria serenita' e chiarezza a famiglie, pazienti, medici e responsabili tutti". E' quanto comunica, in una nota, l'assessore lombardo alla Salute, Mario Mantovani, che dopo alcune sentenze si era gia' appellato al Quirinale e al governo affinche' contribuissero alla "soluzione di un tema cosi' complesso" lamentando "sovrapposizioni" che generano "confusione".

Tags:
vannonistamina
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...

Marica Pellegrinelli in bikini: il web si scalda. E con Borriello...


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.