A- A+
Milano

Di Cinzia Boschiero

Migliaia di alpini, giovani e meno giovani, reduci  e crocerossine si sono radunati a Milano in Duomo domenica mattina. L’inizio della cerimonia è stato cadenzato dal suono della banda con l’inno italiano. Bandiere e migliaia di vessilli dei vari raggruppamenti hanno colorato la piazza alla presenza di famiglie e cittadini commossi. In Duomo la messa e in piazza uno striscione con su scritto “Gli alpini per i marò” con le loro foto. Migliaia i soldati arrivati anche in pullman e anche i giovani come quelli della storica scuola Teulié.
Uno Stato che non tutela i propri soldati non è uno Stato. Il silenzio parla da solo.
Tiepidi raggi di sole hanno accompagnato il cammino e la marcia anche di alcuni alpini combattenti e oggi in carrozzina. Ricordare quanto il sacrificio e lo spirito di amor di patria animi i cuori delle forze armate italiane ha riempito di calore umano il centro di  Milano, e ribadito il valore dell’essere  cittadini italiani. Anche molti bambini in piazza hanno  partecipato in silenzio a questo raduno auspicato e necessario,  proprio per non dimenticare la storia  e il contributo dei soldati di ieri e di oggi, e il loro servizio in pace e in guerra. I migliaia di alpini con la loro presenza hanno lanciato un messaggio concreto , molto composto, soprattutto ai giovani e ai politici sull’importanza  del rispetto e dell’educazione civica.

Tags:
milano alpini







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.