A- A+
Milano
A2A, cambi al vertice. Fuori Ravanelli e Rossetti

Il Consiglio di Amministrazione di A2A S.p.A. riunitosi in data odierna ha proseguito nella semplificazione della struttura organizzativa in coerenza con il nuovo modello di governance che prevede la centralità del ruolo del Consiglio di Amministrazione nella gestione aziendale unitamente alle figure dell’Amministratore Delegato, a cui compete la gestione ordinaria della Società e del Presidente, a cui è stato attribuito un ruolo esecutivo. A2A ha, quindi, concordato con i Direttori Generali un cambiamento al vertice del Gruppo. In particolare è stato concordato con il dottor Renato Ravanelli una risoluzione consensuale del rapporto di lavoro a far data dal 31 agosto 2014, sulla base di 18 mensilità, nonché l’immediata rinuncia alle procure, alla carica nelle partecipate ed alla carica di Direttore Generale. L’ing. Paolo Rossetti ha preannunciato le dimissioni per pensionamento, a far data dal 31 agosto 2014 e con rinuncia immediata alla carica di Direttore Generale, pur continuando a svolgere un ruolo di supporto tecnico al Comitato Esecutivo e relativamente alle attività industriali del gruppo. L’intesa con i Direttori Generali è stata conclusa grazie al senso di responsabilità dimostrato dalle parti nell’interesse generale della Società. Il Consiglio di Amministrazione ha quindi varato una nuova organizzazione di vertice al fine di garantire piena continuità ed efficacia all’azione aziendale. La Società ringrazia il dott. Ravanelli e l’ing. Rossetti per l’importante attività svolta e per i risultati che la Società ed il Gruppo hanno ottenuto ed altresì per il grande impegno dimostrato in tutti questi anni a favore del Gruppo A2A. Il dottor Ravanelli e l’ing. Rossetti ringraziano la Società per la collaborazione ricevuta e tutti i colleghi con i quali hanno condiviso anni di lavoro. Nel corso della medesima riunione, il Consiglio ha inoltre convenuto, anche per tutto quanto sopra, di considerare che per il Presidente Giovanni Valotti e per l’Amministratore Delegato Luca Camerano non sussistono i requisiti di indipendenza previsti dall’art. 148, comma 3, del TUF. Il Consiglio di Amministrazione ha dato atto che permangono in carica dieci Consiglieri aventi i requisiti di indipendenza previsti dall’art. 148, comma 3, del TUF e, quindi, in numero superiore al numero minimo (due) di amministratori indipendenti previsto dalla normativa applicabile.

Tags:
a2a







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.