A- A+
Milano

A2a e' pronta ad alleanze e integrazioni con altri operatori del settore delle utility "per farli crescere e non per svuotarli", ma la "palla" e' ora nelle mani degli azionisti, i Comuni, che dovrebbero interessarsene. Lo sostiene il presidente della multiutility, Giovanni Valotti, a margine del convegno annuale sul settore organizzato da Agici e Accenture. "Il mandato che abbiamo ricevuto - ha detto - e' di cominciare possibili operazioni di integrazione dal territorio e, in particolare, dal territorio della Lombardia. Certo che un operatore forte in Lombardia e' poi il primo candidato a fare operazioni di integrazione con altri territori. La nostra politica - ha ricordato - e' di offrirci ad altre imprese interessate per costituire una rete che salvaguardi l'identita' e la presenza sul territorio di tutte. Noi non vogliamo ne' comprare 'tout court' ne' smontare le imprese esistenti".

"La palla - ha sottolineato il presidente di A2a - e' agli azionisti. Io non ho ancora capito se i Comuni se ne stanno interessando per davvero, e questo mi inquieta un po' perche' sarebbe bene che se ne interessassero; in secondo luogo, non ho capito se si occuperanno di tutte le societa' partecipate o se si trattera' della cosiddetta razionalizzazione delle societa' strumentali. C'e' molto da riordinare sulle societa' strumentali e molto da rafforzare su quelle di servizi pubblici locali. Che il rafforzamento poi passi anche, ma non solo, attraverso processi di aggregazione sicuramente si'". "Personalmente - ha poi indicato Valotti - credo che un modello di sviluppo intelligente sia che il 'big player' di turno, A2a, Hera o Acea che sia, attiri alleanze con altri operatori, se interessati, per farli crescere e non per svuotarli. E' come un sistema solare con tanti satelliti: i satelliti che si ingrandiscono sono quelli piu' piccoli e non quelli grandi"

Tags:
a2agiovanni valotti







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.