A- A+
Milano

I due consiglieri dell'Udc a Palazzo Isimbardi annunciano che il gruppo cambierà nome e si chiamerà "Con Monti per l'Italia" come i Gruppi Parlamentari alla Camera e al Senato. Coså il Capogruppo Sancino: "La mia storia personale e politica da sempre vicina al montismo, l'amicizia e vicinanza con molti esponenti del movimento "Verso la Terza Repubblica" ed il quadro politico che si va delineando ci impongono questo cambio di passo per dare un segnale a tutti gli amministratori locali d'Italia dell'Udc e delle tante liste civiche che hanno rappresentato l'esordio del montismo ancor prima di Monti. C'è già un impegno affinchá si crei a livello nazionale un unico gruppo parlamentare da parte di tutte le forze che sosterranno Monti, pertanto serve andare oltre i tatticismi, per dare un respiro strategico e popolare al grande rassemblement che si va creando intorno a Mario Monti. Il mio invito è che pertanto in tutta Italia si dia vita a gruppi "Con Monti per l'Italia" da parte di Sindaci e Consiglieri che si riconoscono nella svolta politica impressa dal progetto profondamente riformista ed europeista del Presidente Monti".

Coså il Consigliere Provinciale Roberto Biolchini: "A livello nazionale, l'Udc è la forza politica che ha visto per prima i limiti del bipolarismo aggressivo di questi ultimi anni e che è stata, più degli altri partiti, un sostegno fermo al Governo Monti. A livello provinciale, io e Sancino siamo sempre stati la punta del dialogo dell'Udc tra politica responsabile e società civile e pertanto il nostro annuncio ci inorgoglisce. Coså, in coerenza con l'alleanza tra Monti, Casini, Riccardi, Dellai e Montezemolo, la decisione di costituire il gruppo provinciale "Con Monti per l'Italia" vuole rendere visibile, fin da subito, un'aggregazione politica che ha come riferimenti l'impegno civico, liberale, popolare e riformista e che vuole una discontinuità costruttiva, in termini di valori, comportamenti e programmi del passato. Non crediamo negli uomini della provvidenza, ma nel valore delle idee realizzabili per il bene dell'Italia. Da oggi a Palazzo Isimbardi saremo il riferimento di tutti coloro che si riconoscono nell'agenda Monti e ci impegneremo affinchá la maggioranza degli italiani si riconosca nella politica dei fatti, nel rifiuto delle promesse elettorali superficiali e del populismo demagogico, avendo chiaro il riferimento all'Europa e dimostrando di saper governare per il bene dell'Italia."

Tags:
addio udc






A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.