A- A+
Milano
Agguato a Brescia, l'indiano: "Non sapevo dovessimo ucciderli"
Brescia, pizzeria Da Frank

E' durato due ore e mezza l'interrogatorio in carcere dei due arrestati per il duplice omicidio dei coniugi Seramondi, freddati una settimana fa nella loro pizzeria di Brescia. L'indiano, Sarbjit Singh, si è dissociato dal complice, dichiarando di non sapere che il pakistano, Muhammad Adnan, avesse intenzione di uccidere. Pensava si trattasse di dover dare una "lezione", e per questo gli erano stati dati 500 euro. Il pakistano però, l'autore materiale dell'omicidio, ha confermato il suo movente. "Continua a ripetere di aver sparato per la concorrenza che il suo locale aveva con quello della pizzeria da Frank" ha riferito il suo legale, l'avvocato Claudia Romele. In merito all'arma utilizzata, un fucile a canne mozze che risulta essere rubato, il pakistano ha detto di averlo comprato da una terza persone "di cui però non ha detto il nome" ha aggiunto il suo avvocato. Diversa la versione fornita dall'indiano.

"Ha confermato di essere stato chiamato per fare 'da spalla' e di aver ricevuto 500 euro di 5mila che gli erano stati promessi - ha detto il suo legale, Nicola Mannatrizio - ma non sapeva cosa andassero a fare a bordo del motorino. Si è reso conto della situazione solo quando il pakistano ha estratto il fucile". "Il mio assistito ha anche detto aver urlato di non sparare" ha aggiunto l'avvocato. I due si sarebbero conosciuti tempo fa. L'indiano aveva chiesto di lavorare nella pizzeria del pakistano. Diverse anche le posizioni sull'agguato compiuto un mese prima ai danni di Corri Arban, il dipendente dei Seramondi ferito ad inizio luglio con alcuni colpi di pistola. Per gli inquirenti sarebbero stati gli stessi due uomini a sparare, ma l'indiano nega: "Io non c'ero". Mentre il pakistano ha dichiarato: "Io c'ero, ma non ho sparato". L'arma usata quella notte, una pistola, non è mai stata ritrovata. Non si esclude, dunque, l'ipotesi di un terzo uomo che avrebbe armato i killer. Nel frattempo proseguono le indagini sui conti correnti delle vittime dopo il ritrovamento di un tesoretto da 800mila euro in contanti recuperato a casa dei coniugi Seramondi e del figlio Marco. "Con l'aiuto della Guardia di Finanza stiamo scandagliando i conti delle attività dei Seramondi - ha confermato il questore di Brescia, Carmine Esposito -. Presto potremo avere risposte alle domande sugli aspetti economici oggi non chiari".

Tags:
agguato a brescia







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.