A- A+
Milano

"Oggi giornata di sondaggi, Se ne vedono di ogni colore. La Lista Movimento Lombardia civica viaggia con forchetta fra il 10 e il 12% con trend in crescita. Un risultato straordinario". Lo dichiara Gabriele Albertini candidato alla Presidenza di Regione Lombardia. "Senza partiti alle spalle, anzi, avendo contro i partiti corazzata attuali, siamo a più del triplo dei voti della lista civica di Ambrosoli e due volte i voti dell'altra lista civica di Maroni. Al di là di visioni da salotto perbene e pseudo-radicalchic e di ovattate valutazioni da stanze di potere, gli elettori veri in carne e ossa apprezzano il nostro progetto e ci sostengono. Le analisi dei flussi elettorali confermano che la stragrande maggioranza dei nostri elettori provengono dal centrodestra. Sono elettori che mai voteranno una coalizione dove primeggiano Sel/Fiom, Cgil e personaggi come Stefano Fassina, fattivi sostenitori di Ambrosoli. Altro dato interessante è che a fronte di un Maroni che cresce in maniera modesta, la candidatura di Ambrosoli non avanza, anzi. Il Candidato non piace al suo elettorato e non fa presa sulla cosiddetta società civile. Insomma il tanto sperato effetto Pisapia in Lombardia non si ripete. E' la dimostrazione che la Lombardia è il laboratorio dove si sta costruendo il Partito Popolare Europeo. L'altra vera notizia è che ancora oggi la percentuale di indecisi: 1 elettore su 4. E' in gra parte elettorato d'opinione e deluso dall'offerta degli schieramenti tradizionali. Ormai gli elettori schierati hanno già fatto la scelta. Invece di lanciare inutili e capziosi appelli al voto disgiunto voglio lanciare un appello a votare, ad esercitare questo importantissimo diritto. Sconfiggiamo gli apparati tradizionali, votando per il vero riformismo che non si rifà a questi partiti che hanno ingessato l'Italia per 20 anni", conclude Albertini.

Tags:
albertini sondaggi






A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.