A- A+
Milano

"Ringrazio le migliaia di persone che hanno sottoscritto le nostre liste permettendoci di partecipare alle prossime elezioni regionali. Ai tanti che in queste ore chiedono di poter apporre ancora la loro firma, propongo di sottoscrivere le Liste Amnistia, Giustizia e Libertà", dichiara Gabriele Albertini candidato alla Presidenza di Regione Lombardia. "Come già feci presentando la nostra raccolta firme, faccio nuovamente mie in questa occasione le parole di Voltaire "non condivido le tue idee ma mi batterò perché tu possa esprimerle". Invito pertanto quanti non hanno avuto modo di sottoscrivere le nostre liste di apporre una firma presso i banchetti dei Radicali. Pur non condividendo molte delle loro idee lo ritengo un gesto di democrazia, di aiuto a un autentico confronto democratico oltre che di buona politica ", conclude Albertini.

"Ambrosoli, dopo Credieuronord e MPS... è meglio che non abbiate una banca". Lo scrive su twitter il candidato presidente della Regione, Gabriele Albertini.

Tags:
albertini radicali






A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.