A- A+
Milano
Anteprima Affaritaliani.it: la Cassazione salva Daccò, che potrebbe uscire dal carcere

di Fabio Massa

Il procuratore generale della Cassazione aveva chiesto di confermare la condanna a nove anni di reclusione inflitta in appello a Pierangelo Daccò, per le accuse di associazione a delinquere e bancarotta nel dissesto del San Raffaele. Ma secondo quanto può riferire Affaritaliani.it da fonti qualificate, a Daccò sarebbero state annullate due condanne per i due capi di imputazione su tre. I più pesanti, le due bancarotte, sarebbero infatti state eliminate. Tecnicamente si parla di annullamento con rinvio. Di fatto, sarà il secondo grado a dover riesaminare la vicenda. A questo punto Daccò potrebbe uscire dal carcere dopo quasi tre anni di reclusione. E l'intera vicenda legata al crac del San Raffaele potrebbe risolversi in nulla, visto che rimane solo l'associazione a delinquere con ignoti, probabilmente i defunti don Verzé e Mario Cal.

@FabioAMassa

Tags:
dacco







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.