Aristocrazia a Nord

Gli aristocratici di Milano e non solo

A- A+
Aristocrazia a Nord
Nobiltà, ecumenismo e solidarietà dei "cavalieri giovanniti" contro il covid19

Nobiltà, ecumenismo e solidarietà dei "cavalieri giovanniti" contro il covid19

Fra i tanti gruppi attivi a Milano ed in Lombardia, per l'emergenza pandemia Corona Virus, vi è anche il SOGIT (corpo di volontari dell'Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, conosciuto in tutta Europa come Johanniter International), coordinato da Massimo Sottili (architetto, imprenditore e ristoratore) e dal conte Maurizio Marchetti Morganti del Castro di Candia e Santa Veneranda (generale dei vigili del fuoco ed esperto internazionale di protezione civile), sotto la supervisione dei presidenti nazionali e regionale lombardo, Alberto Furlan e Carlo Bianco. La particolarità del gruppo è il suo ecumenismo cristiano e la sua internazionalità, infatti, fra i volontari "giovanniti" vi sono sia italiani cattolici che stranieri, regolari residenti in Italia, di fede ortodossa (romeni, russi, georgiani, serbi e greci). Il SOGIT è impegnato, per ora, solo nella raccolata e distribuzione di medicinali, mascherine e guanti, alimentari e generi di prima necessità, a persone anziane e-o malate, e a decine di famiglie, italiane e straniere, in reale difficoltà. Ma il SOGIT è organizzazione nazionale, dedita anche al primo soccorso ed al 118, con centinaia di volontari in tutta Italia, e propri mezzi (ambulanze, macchina, furgoni ma anche camion, barche e persino elicotteri). Fra i più attivi sostenitori del SOGIT lombardo vi sono, in maniera assolutamente discreta, anche i principi bizantini Ezra Foscari Widmann Rezzonico Tomassini Paternò Leopardi e Roberto Spreti Malmesi Griffo Focas di Cefalonia, la contessa caucasica Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri (nella vita professionale PR nei settori arte e moda), aristocratici italiani come i conti Matteo Priori di Letino (sindaco di Piadena Drizzona) e Alessandro Segnini Bocchia di San Lorenzo (imprenditore e diplomatico, residente nella martoriata Bergamo), laici italiani ortodossi come Antonio Imperatore (capitano della riserva dell'esercito, fedele del Patriarcato di Mosca, entusiasta per gli aiuti medici e sanitari provenienti dalla Russia di Putin), e sacerdoti come il transilvano Padre Claudiu Ioan Cocan (parroco della Chiesa Ortodssa Romena in Italia) ed il bergamasco Padre Ambrogio (ieromonaco greco ortodosso del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, studioso di storia e filosofia) che ricorda, a tutti i cristiani, la Quaresima e l'approsimarsi della Pasqua: "Giusto e doveroso aiutare il nostro prossimo ma abbiamo bisogno di andare oltre le notizie e i dati del Coronavirus, per respirare in un orizzonte di vita e di speranza. Più cha mai oggi, siamo chiamati a guardare al giorno radioso della vittoria di Cristo sulla morte". Il SOGIT sta arruolando, selezionando e formando nuovi volontari ed anche raccogliendo donazioni liberali per le sue varie attività benefiche, ora tutte incentrate nell'affrontare l'emergenza nazionale, dando supporto alla popolazione, in particolare alle categorie più deboli e bisognose.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirussogit
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.