Aristocrazia a Nord

Gli aristocratici di Milano e non solo

A- A+
Aristocrazia a Nord
San Paisios, festa ortodossa romena a Milano. FOTO

San Paisios, festa ortodossa romena a Milano

Grande festa, domenica scorsa, a Cuggiono, per la comunità ortodossa romena di Milano e della Lombardia. Nel pieno rispetto delle vigenti norme di sicurezza e distanziamento sociale, si è svolta la Festa della locale parrocchia ortodossa dedicata a San Paisios, prima una intensa e solenne celebrazione religiosa e poi un pranzo comunitario tradizionale. Celebrante ed organizzatore il giovane e affabile parroco Padre Claudiu Ioan Cocan che, oltre ad essere sacerdote ortodosso della importante Chiesa Romena, è anche Sevast (conte e rappresentante ufficiale) della Casa Imperiale Cantacuzino di Bisanzio (despoti di Morea, gospodari di Valacchia, voivodi di Moldavia e pazniki di Transilvania).

Anche per questo doppio ruolo di Padre Cocan, alla cerimonia erano presenti numerose autorità: l'avvocatessa transilvana Julia Adriana Cupsa Kiseleff (Console della Romania), Padre Ambrogio della Arcidiocesi Ortodossa d'Italia del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli (anche in rappresentanza della Unione della Nobiltà Bizantina), la nobildonna georgiana Mandilosani Maya Bubashvili Aznauri (vice delegata della Real Casa Bagrationi Imereti di Georgia, la più antica dinastia dell'intera Cristianità, e promotrice della Unione delle Comunità Ortodosse in Italia), Attilio Carelli (noto esponente politico della destra italiana, presente, in questa occasione  in veste di rappresentante della Casa Imperiale Tomassini Paternò Leopardi), il barone Antonio Imperatore di Pellizzaro, Garescio e Bulfara (fedele italiano della Chiesa Ortodossa Russa) che ha portato il saluto ufficiale della associazione culturale internazionale Aristocrazia Europea, l'ingegnere Romolus Popescu (già deputato alla assemblea costituente della Romania post comunista, e presidente della storica associazione culturale dei Romeni residenti in Italia).

La famiglia Cantacuzino è una antichissima dinastia principesca di origine greco bizantina, discendente dall'imperatore Giovanni di Costantinopoli, poi diffusasi nei Carpazi, nei Balcani e in Russia. Avendo governato sulle tre regioni che oggi compongono la moderna Romania, i Cantacuzino sono, di fatto, considerati come la prima dinastia sovrana romena, certamente quella più legata alla tradizione religiosa cristiana ortodossa, orientale e bizantina. Fra le prerogative e fons honorum della Casa Imperiale Cantacuzino, in Italia gestite da Padre Cocan e da una ristretta e qualificata delegazione, anche la legittima e riconosciuta titolarità dell'Ordine del Drago, famoso in tutto il mondo per un suo cavaliere: il leggendario "conte Dracula" di romanzi gotici e film horror, nella realtà storica il principe Vlad Tepes Basarab Draculesti di Valacchia, amato eroe nazionale cristiano che, anche con la violenza ed il terrore, impalando centinaia di nemici, è riuscito a fermare l'invasione turca musulmana dell'Europa.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    san paisiosfesta ortodossa romena a milano
    i blog di affari
    Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.