A- A+
Milano
Bernardelli, l'indipendentista milanese con l'hotel a Caserta. Che ora rischia

di Fabio Massa

Centinaia di persone. Che adesso rischiano, tutte quante. Perché chi conosce bene Roberto Bernardelli, uno degli arrestati nel blitz contro gli indipendentisti veneti, sa che non ha mai amato lo Stato italiano e che avrebbe voluto volentieri trasferire le sue attività da un'altra parte. Lo disse anche in una trasmissione: "Fosse per me delocalizzerei. Ma il problema è che per farlo dovrei segar via il mio hotel e questo è un po' complicato".

Bernardelli possiede un piccolo impero familiare. Che parte dall'Hotel Dei Cavalieri di Milano, nel cuore della città, in piazza Missori. Dal 1976 la Carola Srl gestisce un gioiello di 177 camere, 12 sale riunioni e molto altro. Poi c'è la Scalvini Srl, sempre dei Bernardelli, che possiede il Las Vegas Hotel di Castelletto di Branduzzo, a Pavia. Quaranta camere. E ancora, con la Emberl Srl l'indipendentista Bernardelli controlla la Clinica San Carlo a Paderno Dugnano e la residenza per anziani intitolata al padre. E poi? Poi c'è un altro Hotel dei Cavalieri, che è nel cuore del Sud, proprio in quella Campania che molti padani doc detestano. Per la precisione, a Caserta, in piazza Vanvitelli. Novanta camere, classe 4 stelle. Ristorante, spazio per eventi e convenzioni per i militari che giurano a Capua. Ovviamente, niente sindacati. "Bernardelli non lo conosciamo - spiega ad Affaritaliani.it Camilla Bernabei, segretaria della Cgil casertana - Si è sempre molto adoperato per fare in modo che non potessimo avere rappresentanza nell'hotel". Ora Bernardelli sta in carcere. E - raccontano i suoi amici - sarà molto arrabbiato. Con l'Italia e con il Meridione. Come al solito. Anzi, più del solito. E potrebbe davvero decidere di prendere una posizione dura nei confronti delle proprie attività imprenditoriali. A partire da quella del sud Italia.

"Noi difenderemo i lavoratori - spiega ancora Camilla Bernabei - Se Bernardelli vuole vendere, noi vigileremo su chi sarà l'acquirente e soprattutto sul fatto che possa garantire il livello occupazionale". Insomma, la vicenda del Tanko, che fa un po' sorridere mezza Italia, potrebbe trasformarsi in una brutta grana per molta gente. Perché Bernardelli è così: assunse una persona in diretta tv solo perché era stato convinto dalla ferrea volontà nell'appello televisivo. Ma vale anche l'inverso.

@FabioAMassa

Tags:
bernardelli







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.