A- A+
Milano
Procura Milano, tutti contro tutti. Guerra Bruti Liberati-Robledo

"Le iniziative del procuratore aggiunto Robledo hanno determinato un reiterato intralcio alle indagini" sull'Expo. Lo scrive il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati in una nota trasmessa ieri al Csm. Bruti Liberati, in particolare, ricorda la "prospettazione di stralcio", avanzata da Robledo e da lui esclusa, che "non solo avrebbe fatto perdere la unitarieta' di visione in questa vicenda specifica, ma avrebbe comportato sicuro intralcio e ritardo alle indagini". Inoltre, la trasmissione, da parte di Robledo, al Csm "di copie di corrispondenza interna riservata e di copie di atti del procedimento in delicatissima fase di indagine, con assunzione arbitraria della decisione delle parti da segretare, ha posto - scrive Bruti a Palazzo dei Marescialli - a grave rischio il segreto delle indagini". Il capo della Procura di Milano riferisce anche un'"ultima surreale situazione" avvenuta nell'ambito dell'inchiesta Expo: "Robledo - spiega Bruti - pur essendo costantemente informato del fatto che era in corso una attivita' di pedinamento e controllo su uno degli indagati", svolta da "personale della sezione di Polizia giudiziaria", ha "disposto analogo servizio delegando ad altra struttura della stessa Gdf". Solo "la reciproca conoscenza del personale Gdf che si e' incontrato sul terreno - osserva Bruti - ha consentito di evitare gravi danni alle indagini".

Con la sua nota inviata a Palazzo dei Marescialli, Bruti Liberati integra quanto esposto nell'audizione al Csm dell'aprile scorso. Dopo gli arresti avvenuti negli scorsi giorni, sono infatti venuti meno i segreti istruttori che non avevano permesso al capo della procura milanese di essere piu' preciso davanti all'organo di autogoverno della magistratura. La richiesta di misura cautelare diretta al gip nell'ambito dell'inchiesta Expo "fu vistata dal procuratore aggiunto Boccassini", ricorda Bruti, e Robledo "da me personalmente interpellato - aggiunge il procuratore capo - mi disse che dissentiva in ordine ad alcune contestazioni di reato relative all'indagato Paris e che non intendeva apporre il visto". Dunque, "ritenevo - spiega Bruti Liberati - anche ad evitare una delegittimazione dei sostituti, di apporre anche il mio visto sulla richiesta" che poi e' stata "accolta dal gip sui punti non condivisi dal procuratore aggiunto Robledo". Quest'ultimo, "pur continuando ad essere costantemente informato di tutti gli sviluppi ulteriori delle indagini ai fini del coordinamento in atto - conclude Bruti - si era sottratto alla fase del procedimento cautelare e pertanto non gli fu sottoposto al visto la successiva integrazione della richiesta al gip". Bruti Liberati, infine, auspica una "sollecita definizione della vicenda" scaturita dall'esposto di Robledo, "consentendo alla Procura della Repubblica di Milano di svolgere il suo difficile compito in un clima di 'normalita'', fuori dai riflettori sul preteso 'scontro nella Procura di Milano'".

Robledo scriva al Csm: Bruti dice il falso

Con una nota inviata al Csm, il procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo risponde alle accuse del procuratore capo Edmondo Bruti Liberati secondo il quale avrebbe "determinato un reiterato intralcio alle indagini" sull'Expo. Nella nota, Robledo afferma che l'episodio del 'doppio pedinamento', di cui ha parlato Bruti, non e' mai avvenuto e, a sostegno della sua tesi, fornisce una prova documentale all'organo di autogoverno della magistratura.

Alfredo Robledo chiede di essere sentito dal Csm in merito alle accuse che gli ha rivolto il procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati in una nota inviata all'organo di autogoverno della magistratura, nella quale lo accusa di avere intralciato le indagini su Expo. Bruti Liberati aveva citato anche l'episodio di un presunto doppio pedinamento che avrebbe potuto compromettere l'inchiesta.

Pomarici, anomala assegnazione 'Ruby' a Boccassini

E' stata "anomala" l'assegnazione dell'inchiesta Ruby al procuratore aggiunto Ilda Boccassini, "palesemente estranea" a quel tipo di inchiesta. Questo, secondo quanto si e' appreso, e' uno dei passaggi dell'audizione del pm di Milano, Ferdinando Pomarici, sentito oggi al Csm nell'ambito della pratica avviata dalla prima e dalla settima commissione a seguito dell'esposto con cui l'aggiunto Alfredo Robledo ha denunciato presunte irregolarita' nell'assegnazione dei fascicoli da parte del capo della Procura, Edmondo Bruti Liberati. Pomarici e' stato sentito per circa un'ora a palazzo dei Marescialli: davanti alle commissioni, riunite in seduta congiunta, ha ricordato di aver segnalato questi punti critici gia' in una lettera che aveva indirizzato proprio a Bruti Liberati.

Procura Milano: Vietti, evitare delegittimazioni

"Di tutto ha bisogno il sistema giudiziario, tranne che di delegittimazioni". Lo ha dichiarato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, poco prima del plenum con il guardasigilli Orlando, affrontando la questione dello scontro alla Procura di Milano. "Il Csm se ne sta occupando - ha aggiunto - quindi non entro nel merito, ma mi auguro che le commissioni arrivino ad una conclusione rapidissima dell'istruttoria e che si possa arrivare al plenum con una decisione definitiva".

L'Antimafia contro Ilda Boccassini. "Con lei i rapporti sono peggiorati"

C'è una "tradizione di difficili rapporti tra la Dna e la Dda" di Milano, e con l'arrivo del procuratore aggiunto, Ilda Boccassini, alla guida del pool antimafia milanese, c'è stato un "arretramento". E' quanto emerge dall'audizione svolta la scorsa settimana al Csm del pm della Direzione Nazionale Antimafia, Filippo Spiezia, che fino all'ottobre 2013 e' stato magistrato di collegamento tra la Dna e la Direzione Distrettuale Antimafia milanese.

"Col passaggio di consegne - ha detto Spiezia al Csm - la dottoressa Canepa (il magistrato che prima di Spiezia svolgeva il coordinamento con la Dda milanese, e che oggi e' tornata a svolgere tale ruolo, ndr) mi mette a disposizione tutto il suo patrimonio conoscitivo riguardante i rapporti con Milano, scrive nel suo resoconto che la dottoressa Boccassini ha manifestato perplessita' connesse a ragioni di sicurezza e riservatezza in relazione all'implementazione della banca dati nazionali, quindi in questo la collega Canepa rilevava un arretramento rispetto alla posizione del dottor Pomarici (l'aggiunto che era a capo della Dda di Milano prima di Ilda Boccassini, ndr) che invece riteneva che la Banca Dati Nazionale venisse implementata con gli atti dei procedimenti in corso". Tale dato, aggiunge Spiezia, "io poi l'ho riscontrato nella pratica" e "si e' riflesso poi nel livello qualitativo e quantitativo degli atti trasfusi nella Banca dati nazionale".

Nel corso del suo mandato come magistrato di collegamento con la Dda di Milano, Spiezia afferma di non aver registrato alcun "cambiamento di rotta", ma "addirittura c'e' stato un aggravamento rispetto ai dati che aveva registrato la dottoressa Canepa". Un "bilancio assolutamente negativo", sottolinea Spiezia nelle sue audizioni, riguarda il rilevamento della situazione sulle cosiddette "iscrizioni multiple": "nel 2013 - osserva il magistrato della Dna - sono state inviate fino all'epoca in cui mi sono occupato di questi rapporti, 49 segnalazioni di iscrizioni multiple ricevendo zero risposte".

Procura Milano: Orlando, ispezione? Attendo lavoro Csm

"Ci sono difficoltà che il Csm sta affrontando. Attendo il lavoro del Csm". Cosi' il guardasigilli Andrea Orlando, al termine del plenum al Palazzo dei Marescialli, ha risposto ai cronisti in merito alla richiesta, avanzata dal togato Antonello Racanelli, di valutare l'invio degli ispettori alla Procura di Milano.  E poi: "Non considero che diverse opinioni nella Procura di Milano abbiano compromesso l'imparzialita'". "I fatti vanno analizzati - ha aggiunto il ministro - il sistema prescinde da potenziali conflittualita'. Anche alla luce dell'inchiesta Expo, non bisogna pensare che venga meno il ruolo e la funzione che la Procura di Milano ha effettuato e continua a svolgere".

Tags:
bocassini






A2A
A2A
i blog di affari
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
Cav in campo per le Comunali: "Con Salvini intesa su tutto"
"Ecco il nostro compito: un partito repubblicano"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.