A- A+
Milano

di Fabio Massa

Giallo. Oppure allarme rosso. Un colore o l'altro, pare proprio che la situazione al Comune di Milano sia definitivamente precipitata. Al punto che - secondo quanto può riferire Affaritaliani.it - nel pomeriggio si è tenuto un incontro tra Stefano Boeri, assessore alla Cultura, e il sindaco Giuliano Pisapia. Nulla di nuovo sotto il sole: i due litigano. Eccome se litigano, anche se a dir la verità, come sottolineato dal Corriere della Sera, di motivi oggettivi per cacciare l'ex pretendente alle primarie (sconfitto), ultimamente ce ne sono pochi. Qual è dunque lo scenario? Secondo fonti di Affaritaliani.it nell'inner circle pisapiano, il problema è a monte. Il primo cittadino e il suo assessore hanno da sempre un rapporto molto conflittuale. Nella "notte" della pacificazione, con tanto di intervista riparatrice a Repubblica, circa un anno fa, Boeri si salvò dal siluramento. Ma altre volte, più sotto traccia, sono dovuti intervenire i vertici del Partito Democratico per mettere una buona parola tra i due, in continuo scontro. Adesso pare che Pisapia si sia detto: o adesso o mai più. Dimostrando, peraltro, tutta la propria abilità di politico. Prima ha atteso che i tempi del rimpasto di giunta fossero maturi. Un rimpasto nel quale andava a correggere l'errore delle prime nomine, con l'ingresso (finalmente) di Carmela Rozza, attualmente capogruppo. Difficile quindi che i consiglieri si ribellino per il siluramento di Boeri. Dunque, Pisapia tiene tranquilli i membri democratici del Consiglio. Ma c'è di più. Perché pure il Pd regionale e provinciale, che con i segretari Maurizio Martina e Roberto Cornelli hanno avuto un confronto con il sindaco ieri, per quasi due ore, ha dovuto chinare la testa: in fondo, come si può essere insoddisfatti da un'operazione di rimpasto che garantisce comunque cinque assessori al Pd, laddove due (l'ormai ex Guida e l'ex Boeri) erano di fatto corpi estranei al partito? Alla fine dei conti, i democratici avranno cinque assessori veramente inseriti nella vita di partito. La partita si è chiusa definitivamente pochi minuti prima delle 20.00: con una laconica nota ufficiale, si comunica che "il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha deciso di nominare tre nuovi assessori: Francesca Balzani, che avrà la delega al Bilancio, Carmela Rozza che avrà la delega ai Lavori Pubblici e Filippo Del Corno che sarà il nuovo assessore alla Cultura. Il Sindaco Pisapia interverrà domani in Consiglio comunale". Neppure una parola per Boeri, silurato e non nominato. E dire che nel pomeriggio si era diffusa una petizione per chiedere a Pisapia di non licenziarlo. Pare che ne sia stata firmata pure un'altra da una decina di consiglieri comunali.

Chiusa la partita per Boeri, c'è quella per il capogruppo che sostituirà Carmela Rozza. Ad oggi  gli sfidanti sono Bertolè e Fanzago. Ma, e Scola lo insegna bene, chi entra Papa, esce cardinale. Quindi, tra i due futuri litiganti potrebbe emergere - sempre secodo quanto può riferire Affari - una terza figura, magari una donna, che sia di estrema garanzia per un sistema di correnti che ormai è completamente sfaldato al livello locale e in dissoluzione a livello nazionale.

@FabioAMassa

Tags:
boeri pisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.